Five Thousand Spirits: Melchiazek

0
Condividi:

Stefano Musso (conosciuto per il suo celebrato progetto di musica ambientale Alio Die) dopo diverse collaborazioni (di recente su Ver Sacrum abbiamo recensito Amidst The Circling Spheres con Syvie Alli) pubblica un nuovo album di Five Thousand Spirits (si tratta del settimo) assieme a Raffaele Serra (manca Claudio Dondo, precedente membro del gruppo). Raffaele Serra è uno storico sperimentatore italiano di musica elettronica. E’ stato influenzato e infatuato dai Corrieri Cosmici e in particolare da Klaus Schulze, dai primi Tangerine Dream e dai Popol Vuh di In Den Garten Pharaos, un album fondamentale e “trascendentale” che indubbiamente gli ha aperto molte porte permettendogli di mettere a fuoco la via da seguire in campo musicale. Nel tempo si è affermato come uno dei nomi italiani più validi e rispettati a livello internazionale nella musica new age e ambient. Oltre alla musica si interessa di teatro e fotografia. L’album dei Five Thousand Spirits, intitolato Melchiazek, è dedicato a Nikola Tesla (1856-1943), inventore e fisico serbo molto conosciuto per i suoi contributi nel campo dell’elettromagnetismo, considerato fra gli scienziati più famosi nella cultura popolare. Le sonorità dell’album risentono delle atmosfere dell’elettronica tedesca anni ’70 e in questo si sente molto l’impronta e il contributo di Raffaele Serra al lavoro. Le ambientazioni sono scarne e liquide e le atmosfere sono quiete ma anche ombrose. Spesso viene usata la tecnica del field recordings: si possono ascoltare così voci e rumori di insetti come in “Uhura’s Song”, mistica e tribale, e in “Innerverse”, una traccia che disegna paesaggi mitici e surreali. “Island In The Sky”, con la sua elettronica gelida, è un altro dei vertici dell’album. E’ una musica che non dimentica – oltre alla lezione tedesca – quella di grandi nomi della musica ambient come Brian Eno e Robert Rich. Melchiazek si rivela una grande collaborazione fra 2 dei migliori sperimentatori elettronici italiani e piacerà di sicuro ai seguaci del dark-ambient.

Condividi:

Lascia un commento

*