Immortal Agony: Orgasmic Act 13-26

0
Condividi:

Immortal Agony è uno dei tanti progetti di Emanuele Lago (già noto come Tombstone e Black Mountains Chronicles), personaggio che indaga il lato oscuro della realtà. Nel corso degli anni lo sperimentatore italiano ha esplorato un cupo linguaggio death-industrial e ambient-noise e ha creato un’estetica a tinite fosche decisamente affine all’immaginario horror. Attualmente i suoi album escono esclusivamente sulla sua etichetta Psychotic Release, in edizioni rigorosamente handmade (come in questo caso in cui troviamo un booklet fatto a mano) e  limitate a 50 copie. Immortal Agony esisteva già negli anni ’90 quando uscì il loro primo album intitolato  Orgasmic Act 1-12.  Ora esce Orgasmic Act 13-26 che va considerato come l’idelae seguito. Di sicuro Immortal Agony rappresenta il lato più duro, abrasivo e deflagrante di Emanuele Lago. Dimenticate il dark-ambient e le basse frequenze e preparatevi ad entrare in un incubo senza fine popolato da spettri, demoni e fantasie malate la cui colonna sonora è un deflagrante death-industrial. Basta guardare le immagini raffigurate nel booklet che mostrano impiccagioni e torture per capire l’universo evocato da Immortal Agony. Rispetto al primo album le sonorità sono meno minimali e più dinamiche. Sicuramente l’inserimento di momenti power-electronics e noise contribuisce a donare un sound più moderno rispetto al suo predecessore. Le ambientazioni sono minacciose e claustrofobiche e non lasciano nessuno spazio per la luce. Sicuramente un prodotto di nicchia e di culto molto interessante per chi segue l’industrial senza compromessi e ama le atmosfere orrorifiche.

Condividi:

Lascia un commento

*