Rapoon: Seeds In The Tide Vol. 3

0
Condividi:

Robin Storey è uno dei grandi della musica industrial e sperimentale. Con i leggendari Zoviet France, in quel di Newcastle, ha ampliato i confini della musica sperimentale attraverso l’uso ossessivo di loop mantrici che univano strutture electro-tribali e lunghi droni con ritmi etnici. Finchè sono rimasti in attività, i Zoviet France hanno realmente creato un maelstrom sonoro capace di alterare la percezione sensoriale degli ascoltatori. Album come Mohnomishe, Popolar Zoviet Songs And Yoht Music, Loh Land, Shouting At The Ground per citarne solo alcuni, sono diamanti grezzi che rilucono di una luce esoterica e irreale. Poi Storey ha cambiato pelle e fondato il suo nuovo progetto Rapoon con connotazioni più trascendentali e mistiche. I Rapoon vantano una discografia sterminata in cui ci sono indubbi capolavori come Vernal Crossing, un must indiscusso del tribal-ambient, anche se spesso, in alcuni album, la maniera prende il sopravvento data la mole forse eccessiva della produzione. La formula sonora prevede l’uso massiccio e ossessivo di loop di percussioni etniche e tastiere con samples di varia origine, un’alchimia che pone di diritto Robin Storey a fianco dei grandi del genere come Steve Roach, Robert Rich e Vidna Obmana. Ora esce Seeds In The Tide vol. 3 per la Zoharum, etichetta ormai diventata importante per i cultori di certi suoni con cui Storey ha avviato una proficua collaborazione. Si tratta del recupero di materiale inedito e raro come per i precedenti volumi. L’album è diviso in 2 cd. Nel primo vengono resi disponibili delle tracce tratte dal raro Monomyth: Par Avion e da alcune compilation ormai introvabili oltre al raro 7” Jane From Whitley Bay. Nel secondo dischetto ci viene invece messo a disposizione un concerto di Rapoon del 2004 registrato al Rhiz di Vienna. Davvero un documento interessante e imperdibile per i seguaci del gruppo. Un’esibizione che mette in rilievo i connotati misticheggianti di Rapoon. Operazione rivolta ai fan e ai completisti ma in ogni caso di ottimo livello. Disponibile su Bandcamp (http://zoharum.bandcamp.com/album/seeds-in-the-tide-volume-03).

Condividi:

Lascia un commento

*