Raging Dead: Born in rage

0
Condividi:

Horror rock putridissimo quello proposto dagli italiani RG, al loro esordio con questo Ep costituito da cinque pezzi ed intro, caratterizzato da una velocità forsennata e da testi che indugiano con insano piacere su tematiche di genere senza però calcare eccessivamente la mano. Ascoltando Born in rage è la volta buona che possiamo citare il verbo attitudine senza provocar imbarazzo, questi ceffi poco rassicuranti (e presumo assai giovani) prendono abbondanti dosi di Lordi, vi aggiungono sostanze poco lecite e si lanciano in una sarabanda di riff infernali, supportati a dovere da una tonicissima sezione ritmica (lo zampino del Demonio…). Poi la paura si stempera, in fondo non sono poi così cattivi, vogliono solo divertirsi e far baccano (un certo apparentamento allo sleazy/glam si fa forza brano dopo brano), ed emerge una vena ironica che a tanti colleghi non appartiene. Uno stile identificabile, anche se all’ennesimo ascolto emerge una ripetitività che l’esperienza ridurrà progressivamente perché, teniamolo ben presente, il Tempo è dalla loro.

Web: http://www.reverbnation.com/ragingdead
Email: ragingdead.info@gmail.com
Condividi:

Lascia un commento

*