Chaos Magic: Chaos magic

0
Condividi:

Chiusa la parentesi Stratovarius nel 2008, il prolifico Timo Tollki certo non si è abbandonato all’apatia, fra collaborazioni e progetti a nome suo o condiviso con altre sigle. Proprio da uno di questi è scaturita la partnership con la vocalist cilena Caterina Torrealba, in arte Nix (sua la voce su due episodi di “Angels of the apocalypse”). Come il suo illustre collega Arjen Antohony Lucassen, anche il finnico veste i panni dello scopritore di talenti, dimostrandosi eccellente mentore di una cantante dotata di un gradevolissimo timbro melodico. Chaos magic si colloca sul versante più pop del symphonic-metal e, grazie all’ottima interazione tra il talentuoso musicista/produttore e la singer di Santiago, centra l’obiettivo più immediato: offrire all’ascoltatore una manciata di motivi ove la grandiosità degli arrangiamenti viene mitigata da ambientazioni levigate e piacevoli, scevro d’inutili forzature ed ove la tecnica, che pur abbonda, non appesantisce le trame perfette di canzoni composte col preciso intento di accattivarsi le grazie degli ascoltatori più maturi. Il Maestro Beppe Riva chiamerebbe a raduno gli chic-bangers sparsi sull’intiero globo terracqueo, in una cerimonia celebrante la bravura dei convenuti (oltre a Tollki che si divide tra tastiere, basso ed ovviamente chitarre, la batteria è appannaggio di Jami Huovinen, che Timo ha incrociato nei Ring of Fire e condiviso con Allen/Lande). Ancora una volta determinante si è rivelato l’intervento della label partenopea Frontiers, prossima al compimento dei venti anni di attività, traguardo che, alla luce della assoluta qualità del suo roster d’artisti, rappresenterà solo un ovvio passaggio cronologico, visto che altre soprese ha in carniere per tutti gli appassionati della musica di qualità.

Condividi:

Lascia un commento

*