Hypnos – rivista di letteratura weird e fantastica – Numero 5 – Autunno 2015

0
Condividi:

La meritoria rivista di letteratura weird e fantastica Hypnos giunge al 5° numero. Si tratta sicuramente di un fascicolo imperdibile per gli amanti di Le Fanu e del gotico: viene infatti presentato per la prima volta in traduzione italiana il lungo racconto Spalatro a lui attribuito solo in tempi recenti. Spalatro, tradotto con competenza da Danilo Arrigoni, è un piccolo gioello in puro stile Le Fanu. La storia è divisa in 2 parti: la prima è un concentrato di tutte le situazioni e i “topos” della narrativa gotica – non mancano castelli diroccati, ambientazione italiana, locandieri malvagi e atmosfere sulfuree – con molti rimandi alla Ann Radcliffe: vengono evocati personaggi diabolici come un monaco lussurioso e maledetto che sembra uscire direttamente da L’Italiano, o il Confessionale dei Penitenti Neri mentre la stessa figura di Spalatro è un omaggio a quel romanzo in cui rivestiva la parte del cattivo. Nella seconda parte la narrazione diventa onirica con Spalatro in preda a deliri e allucinazioni: troviamo un inquietante Arlecchino, qui in veste demoniaca, durante un caotico e fosco Carnevale, un vecchio gentiluomo che in realtà  ha più di un secolo di vita e una diafana e raffinata donna di una bellezza sovrumana: il contesto assume connotati morbosi, erotici e vampirici. Lo scrittore di lingua tedesca Karl Hans Strobl costituisce l’altro piatto forte di questo numero di Hypnos: di lui ci parla con passione Alessandro Fambrini. Karl Hans Strobl costituisce, con Gustav Meyrink e Hanns Heinz Ewers, “la sacra trimurti” del fantastico tedesco del ‘900. Qui ci viene presentato La moneta bizantina, un breve ma incisivo racconto che ben illustra le concitate qualità del fantastico di Strobl pervaso da un’atmosfera sottilmente onirica caratterizzata da un senso di morte opprimente. Strobl va poi ricordato per essere stato il fondatore della rivista “Der Orchideengarten”, sorta di contraltare europeo della celebre Weird Tales americana. Spazio poi anche per Henry S. Whitehead, amico di H.P. Lovecraft e noto per le sue storie che attingono al folklore dei Caraibi: di lui ci parla l’attento e bravo Walter Catalano. L’americano Nathan Ballingrud è invece uno dei migliori esponenti del weird tale moderno assieme a Simon Strantzas: I mostri del cielo è una delle sue storie più riuscite e ci mostrano un autore valido e controverso, di sicuro anni luce distante dall’orrore cosmico “lovecraftiano”. Di Ballingrud ci parla Andrea Bonazzi, una garanzia per chi voglia approfondire la materia.

Anche quest’anno il Premio Hypnos ha ottenuto un grande successo: i vincitori ex-aequo sono stati Francesco Corigliano e Giovanni De Feo di cui vengono pubblicati i loro racconti “Ex Machina” e “I pallidi”: sono diversissimi ma entrambi di grande livello a testimonianza dell’indubbia qualità dei partecipanti di questo concorso. Corigliano è del 1990 e dimostra un maturità sorprendente mentre Giovanni De Feo ha alle spalle già 2 romanzi. Andrea Bonazzi cura di consueto con maniacalità e precisione la rubrica Weird New World, finestra sul fantastico in lingua inglese: grosse novità per Robert Aickman, Joseph S. Le Fanu e Algernon Blackwood! La grafica della rivista è sempre raffinata e all’insegna del “weird”: le illustrazioni sono ancora affidate ai bravissimi Cristiano Sili e Ivo Torello che dimostrano una grande capacità nell’immedesimarsi nello spirito oscuro e conturbante dei racconti illustrati.

Hypnos si conferma un punto di riferimento per gli amanti del fantastico. Si può acquistare direttamente sul sito delle Edizioni Hypnos o sul Delosstore.

Indice

Il giardino delle orchidee di Andrea Vaccaro

La moneta bizantina di Karl Hans Strobl

Karl Strobl e i deliri di Lothar Botcha di Alessandro Fambrini

Solo in caso di disastro di Henry S. Whitehead

Henry S. Whitehead. Un reverendo da paura di Walter Catalano

Ex Machina di Francesco Corigliano

I Pallidi di Giovanni De Feo

I mostri del cielo di Nathan Ballingrud

Nathan Ballingrud di Andrea Bonazzi

Weird New World di Andrea Bonazzi

Spalatro, o dell’ambiguità primigenia di Danilo Arrigoni

Spalatro (dalle note di Fra Giacomo) di Joseph S. Le Fanu

Condividi:

Lascia un commento

*