Genetic Transmission: Last

0
Condividi:

Progetto dai connotati molto oscuri e non convenzionali questo Genetic Transmission di Tomasz Twardawa. Il presente Last, pubblicato dalla Zoharum, è l’ultimo capitolo di una serie denominata IYHHH e rappresenta il compendio e l’atto finale della discografia dei Genetic Transmissions. Last in realtà è circolato in formato CDR qualche anno fa e ora viene reso disponibile in una versione ufficiale. La filosofia musicale di Tomasz Twardawa è decisamente orientata verso sonorità sperimentali rigorose accostabili sicuramente all’industrial più duro e senza compromessi: possono venire in mente i Tes Dept o le prime cose degli Einstuerzende Neubauten. Questo lavoro in particolare è basato su piccole miniature sonore, spesso non più lunghe di 2-3 minuti: sono in pratica il frutto dei continui esperimenti dell’artista polacco con la materia sonora che viene scolpita e assemblata come fosse una scultura d’avanguardia sfruttando le fonti sonore preparate da lui stesso nei suoi continui esperimenti. Possiamo così ascoltare imponenti clangori metallici e battiti provenienti da qualche fabbrica industriale abbandonata in qualche landa desolata. Su tutto regna un’atmosfera plumbea che fa pensare a cieli grigi e paesaggi brulli di una tristezza infinita. Le ambientazioni sono claustrofobiche, pesanti e liquide in linea con certa avanguardia senza compromessi nata in Germania negli ’80 (penso ai primi Cranioclast, ai Kallabris e ai Core). Certo si tratta di una proposta che mi sento di consigliare solo a chi ha una certa dimestichezza con i suoni sperimentali di scuola industrial. In ogni caso si tratta di un prodotto di un certo spessore nel suo genere e non privo di un certo fascino nel suo genere. Last esce in una bella edizione in ecopak limitata a 444 copie numerate a mano con una cartolina. Disponibile su Bandcamp: https://zoharum.bandcamp.com/album/last.

Condividi:

Lascia un commento

*