The Public Radar: A New Sunrise

0
Condividi:

The Public Radar è il nuovo progetto di Massimiliano Alto (noto doppiatore e direttore di doppiaggio, che ha dato voce a personaggi come Sam ne “Il Signore degli Anelli”, Ranma di “Ranma 1/2”, Inuyasha…) -voce, chitarre e testiere-, Francesco Conte, chitarrista dei Klimt 1918 – chitarre, tastiere, cori- e Andrew Mecoli, membro dei Growing Concern -tastiere e cori.

Le nove tracce che compongono l’album e che seguono il fortunato ed omonimo EP d’esordio del 2013, mettono in scena un synth-pop di ispirazione 80’s che strizza fortemente l’occhio anche a certe sonorità dei primi anni 90.

Tutte le tracce risultano molto piacevoli e non ridondanti, rendendo la fruizione del prodotto adatta ad un’ampia gamma di pubblico, soprattutto per coloro che desiderano non essere sempre alle prese con sonorità cupe.

L’esecuzione di ogni brano, vista l’esperienza dei componenti della band, è tecnicamente ineccepibile. Si passa da canzoni raffinate e delicate quali l’opener “A New Sunrise” o “Closure” dove la splendida voce in primo piano di Max Alto è esaltata dal suono di chitarra in sottofondo, a veri e propri pezzi accattivanti, sin dal primo ascolto. Risulta impossibile non farsi catturare dal ritmo synth-pop e dal ritornello killer della seconda traccia “Standing On The Edge Of The Night”, dalla orecchiabilissima “Smoke and Mirrors” o dai pregevoli effetti electro che colorano “No Music”.

Da segnalare che “Voices”, anche se forse risulta il pezzo meno riuscito del disco, si contraddistingue comunque per la buona prova canora di Francesco Conte.

A New Sunrise si chiude con  grande impatto ed eleganza con “You Don’t Love”, canzone molto affascinante nella quale l’atmosfera inebriante iniziale viene resa irresistible dal cambio di ritmo che contraddistingue la parte finale.

In definitiva una buona prova destinata ad un pubblico dagli orizzonti musicali più ampi.

Condividi:

Lascia un commento

*