Satori: The Hanging

0
Condividi:

Satori è uno storico progetto di musica industrial power electronics fondato nel 1980 da Dave Kirby con Rob Maycock: il sodalizio fra i 2 portò alla pubblicazione di una mitica cassetta sulla storica etichetta Broken Flag. Dopo una serie di altri nastri nel 1992 venne stampata una retrospettiva in cd intitolata Infect. Nel 1994 Justin Mitchell della Cold Spring si unì a Satori per creare un sound apocalittico e disturbante. Ma poi Dave si eclissò letteralmente e Mitchell decise di proseguire con il nuovo membro Neal Chaney degli storici Pessary, un nome quest’ultimo che non dovrebbe essere sconosciuto ai seguaci dell’esoteric-industrial. Ma proprio ora il redivivo Dave Kirby è ritornato con rinnovata energia e la Tesco ha appena pubblicato un nuovo lavoro sempre nel solco di sonorità abrasive e senza compromessi. Il nuovo disco è intitolato The Hanging ed esce in un lussuoso box che contiene 10 cartoline che illustrano visivamente ogni traccia. Le ambientazioni sono nel solco di un classico power-electronics senza compromessi: quindi abbondano clangori metallici, percussioni e sonorità abrasive. L’atmosfera evocata è nera come la pece e ci introduce a una “visione” cupa e apocalittica dell’universo. E’ una dark-ambient oscura che dipinge paesaggi grigi e desolati: in questo senso il supporto grafico diventa essenziale per immergersi nel mondo fosco di Satori. Ogni tanto una voce sommessa emerge dal magma ribollente quasi fosse una preghiera registrata in qualche catacomba nascosta nei recessi di un edificio antico e abbandonato. Certo a lungo andare le sonorità risultano un po’ di maniera: non c’è nulla di non già ascoltato: tuttavia si tratta di una produzione assolutamente dignitosa che certo non deluderà chi segue l’industrial dei primordi. Disponibile su Bandcamp: https://tescogermany.bandcamp.com/album/the-hanging.

TagsSatori
Condividi:

Lascia un commento

*