Aa. Vv.: Stimmen Der Seele

0
Condividi:

Die Seele, la radio – webzine capitanata da Nikos (Transmission Radio Show) che aveva curato per noi, qualche mese fa, lo special sulla scena greca, ha pubblicato il 15 marzo la sua prima compilation, destinata soprattutto a promuovere i migliori gruppi senza etichetta, quelli che, troppo spesso, pagano sulla propria pelle il paradosso della iper-informazione, la difficoltà cioè a farsi notare in una moltitudine infinita di post e di possibilità di ascolto, che sembra sempre privilegiare chi è già conosciuto.

La compilation propone 36 artisti, la maggior parte dei quali già trasmessi nelle trasmissioni dell’emittente greca, soprattutto nell’ormai “classico” appuntamento del lunedì sera, condotto da Nikos e dedicato alle novità della scena, in tutte le sue declinazioni ed ormai seguito da un pubblico internazionale. C’è poi una selezione, il martedì, più orientata all’ethereal e alle musiche più intimiste e neoclassiche, che hanno ancora più difficoltà a trovare degli spazi in radio ed un programma sui classici, soprattutto old school goth, postpunk e neofolk il mercoledì sera (se qualcuno, dopo aver letto questa recensione fosse curioso di ascoltarli, ricordi che il fuso orario della Grecia è avanti di un’ora rispetto all’Italia).

I trentasei pezzi della compilation coprono un po’ tutte le sfumature delle sonorità oscure, a partire dalla cold wave dei Factice Factory, L’Ordre d’Héloïse, This Cold Night, The Dreams Never End e dei greci (dal nome italiano) Anima Triste. Il minimal synth è rappresentato, tra gli altri dai Mode in GliANY, Paradox Obscur, gruppo greco già conosciuto la cui cantante Kriistal Ann appare anche come guest vocalist sul pezzo di Unidentified man. L’elettronica più ritmata, vicina al synthpop, è rappresentata dai brasiliani The Colours of Silence, pezzo in cui emerge la voce calda ed oscura di Camilla Sombrio, e dai ManMachine. La musica più intimista, elettronica o legata a strumenti acustici, è rappresentata da Silentport, il progetto solista di Roman Rütten, che molti ricorderanno come tastierista degli Endraum, dai neoclassici The Dream Collision e da The Illusion of Silence, che rappresenta l’Italia insieme a Spettro Family, artista sperimentale già parecchio conosciuto e apprezzato all’estero. Tra gli altri brani sperimentali segnalo Michael Alliani, ex cantante degli Ikon e Chiron, e l’elettro ambient di Moon Dust.

Recensire i pezzi uno ad uno sarebbe un’impresa biblica, e poi, essendo un free download, credo che la cosa migliore sia scaricare ed ascoltare questa compilation e, se la selezione vi piacerà, perché no, continuare a scoprire nuovi gruppi sulle frequenze di Die Seele.

Per informazioni: www.dieseele.net
Web: https://dieseele.bandcamp.com/album/various-stimmen-der-seele
Condividi:

Lascia un commento

*