Dark Oath: When fire engulfs the earth

224
0
Condividi:

Attivi dal 2009 e con all’attivo un paio di eppi, i lusitani Dark Oath sanciscono l’approdo all’oculata WormHoleDeath (label che ha il merito di dare voce all’underground recependo così risorse di gran valore) con l’esordio lungo (anche nel titolo) When fire engulfs the earth, bellicoso sympho/death/black epicheggiante che si sviluppa lungo dieci tracce estese e ben sviluppate. Materiale adatto a far da colonna sonora ad una serie sword and sorcery, con parti in mid-tempo ove si evidenziano riferimenti al classic-metal, anche se le sezioni ove il ritmo si mantiene elevato mostrano alcuni segni di cedimento (l’opera conta un minutaggio superiore di poco all’ora, la prova della coesione è ardua anche per i più esperti) nella struttura, pur collocandosi ogni singolo brano ben al di sopra della piena sufficienza. La cantante Sara Leitao fa bella mostra di un piglio baldanzoso, anche se uniforme, colla voce che la fa accostare alla nostra Cadaveria, ma con una quota di carisma nettamente inferiore. I begli intrecci di chitarra di Joel Martins e di Sergio Pinheiro rimandano ai Maiden (ma sono gli Amon Amarth a far discepoli tra i Dark Oath), il basso di Afonso Aguiar è ben scandito (non viene invece fatto riferimento alcuno al batterista), When fire engulfs the earth infine si rivela infine piacevole all’ascolto ed in linea con una scuola, quella portoghese, non immune per fortuna al fascino ed alla storia millenaria della propria Terra.

Condividi:

Lascia un commento

*