MS Miroslaw: Libido

0
Condividi:

miroslaw2Progetto dai connotati oscuri e misteriosi questo di MS Miroslaw proveniente dalla Sardegna e, per la precisione,  da Macomer dove opera il collettivo multimediale Trasponsonic di cui fanno parte. La precendente incarnazione di MS Miroslaw si chiamava Brotherhood Of Lux-Or ed era la chiara testimonianza dell’esistenza del lato occulto del collettivo. Questa continua ricerca delle proprie tradizioni culturali e del proprio passato ancestrale si concrettiza ora con MS Miroslaw, duo formato da Miroslaw e da Laura Dem.  L’obiettivo di questa musica e’ quelo di mettere in contatto l’ascoltatore con il passato e gli archetipi dell’inconscio collettivo: non a caso nelle note di copertina viene citato Carl Gustav Jung come fonte di ispirazione.  I Miroslaw hanno gia’ alle spalle un disco intitolato Rebirth Invocations: il nuovo lavoro Libido si pone cosi’ nel solco del precedente alla ricerca della dimensione piu’ sconosciuta di rituali persi nelle spirali tentacolari del tempo. E’ proprio la parola “rituale” la chiave per entrare nella filosofia di MS Miroslaw: un rituale carico di antica spiritualita’ e di riti dimenticati in cui l’uomo era in contatto con le antiche divinita’ della tradizione. SI possono fare paragoni con esperienze passate come i primissimi Coil (quelli di How To Destroy Angels) e Curretn93 (in particolare il primo singolo Lashtal) ma questo solo a livello di sensazione. In realta’ MS Miroslaw dimostra di avere un’originalita’ e una sua ragion d’essere. La strumentazione usata e’ molto particolare e prevede l’uso di percussioni, fiati, synth e anche di una testa di cavallo modificata. La musica e’ molto minimale, cupa e monotona, quasi una sorta di psichedelia nera che mira a proiettare l’ascoltatore verso una percezione piu’ profonda della realta’. Anche i titoli delle tracce rcome “The Man Who Died” (In The Arms Of Isis), ” Retun To THe Mother” e “Babek (Death Of The Sun Worship?) rendono bene l’idea del sostrato concettuale. Consigliato caldamente ai viaggiatori cosmici e ai seguaci delle esperienze musicali piu’ occulte.

Condividi:

Lascia un commento

*