Bloodsoil: Endtimes

0
Condividi:

bloodsoilI Bloodsoil sono un gruppo spagnolo attivo nella cosiddetta area martial-industrial con all’attivo diverse collaborazioni con nomi come Stiider Legionari, TSIDMZ, Nerney 1826 e Waffenruhe e un bell’album come Domination del 2013: si tratta di un progetto fortemente radicato nella “cultura tradizionale” e che si oppone dichiaratamente al mondo moderno ponendosi come scopo quello di esaltare la spiritualità e la Tradizione. Non è in realtà una novità che i gruppi di questo genere di nicchia – pur se con un ristretto e consolidato seguito – facciano riferimento a queste tematiche: basti ricordare in ambito neo-folk gli storici Death In June e Sol Invictus il cui interesse in argomenti come le rune e in filosofi come Nietzsche e Evola era dichiarato (un disco come “Against The Modern World” dei Sol Invictus prendeva il titolo proprio dal quello del libro del filosofo italiano). Ma ancora più nette sono state le posizioni di Blood Axis e Der Blutharsch e, in Italia, degli Ain Soph. Stiamo parlando di gruppi molto validi artisticamente ma, allo stesso tempo, fin troppo ideologizzati e anche discutibili nelle loro prese di posizione a volte troppo radicali. Se però ci si concentra solo sulla musica le soddisfazioni sono garantite come anche nel caso di questi enigmatici Bloodsoil il cui nuovo Endtimes è un piccolo gioiello del genere: le ambientazioni sono cupe e caratterizzate da epici slanci sinfonici e neoclassici mentre le ritmiche marziali non sono mai invadenti il che dona all’insieme il giusto equilibrio. Da segnalare in particolare “Social Dissolution”, una traccia cupa e maestosa nel suo incedere inquieto e conturbante che disegna futuri paesaggi apocalittici ambientati in un’oscura “età del Lupo”. Davvero efficace è poi la maestosa e lunga “The Hidden Truth” che chiude il disco: l’atmosfera è opprimente e marziale nella prima parte, poi la musica diventa più pacata e classica con un bell’organo in evidenza che accompagna una voce recitante. Endtimes esce per l’attenta e valida Rage In Eden ed è disponibile su Bandcamp: http://bloodsoil.bandcamp.com/.

Condividi:

Lascia un commento

*