DunkelNacht: Ritualz of the occult

0
Condividi:

dunkelnachtritualz

Il black dei transalpini (di Lille) non si conforma supinamente alle regole primigenie del genere, come è costume dei complessi che giungono di colà, d’altronde questo è il segmento del metal che più si è aperto a soluzioni innovative negli ultimi anni. Un EP che consta sostanzialmente di tre tracce, con un’intro semi-strumentale ed una breve a chiudere l’operina, che ha in “Pretty lovesick funeral” il suo vertice espressivo massimo, distanziando di poco, comunque, le omologhe “Ritualz of the occult” e la corale “Emblem of diluted deism”, eccellenti esempi di metal estremo dotato di una anima scurissima ed ove il loro disappunto (odio puro, in realtà) nei confronti delle religioni e d’una umanità sempre più inebetita da esse viene amplificato ricorrendo a trame intricate ed ad un chitarrismo tagliente. Su un tale costrutto sonoro si leva la voce del founding-member Heimdall, vero trascinatore di un gruppo che può senza tema aspirare ai vertici del genere. Gelido soffia il vento del black, dal Nord della Francia…

Per informazioni: http://www.kozeptovthedark.com
Web: http://www.wormholedeath.com
Condividi:

Lascia un commento

*