Murmur Mori: Radici

121
0
Condividi:

Nuovo uscita per i Murmur Mori:, il duo lombardo composto dai bravi Mirko Void (autore delle musiche) e della cantante Kuro Silvia. Il disco, intitolato Radici, esce per la nuova etichetta discografica Casetta. Mi ero già occupato in passato dei Murmur Mori qui su Ver Sacrum: il gruppo, nei lavori che ho avuto modo di ascoltare, si caratterizzava per un approccio non superficiale ma aveva dimostrato al contrario di possedere una particolare sensibilità. Dall’ascolto di Murmur Mori0 traspariva un forte sentimento del sacro e della natura. Musicalmente le sonorità si avvicinavano ad ambientazioni rituali, ambient e folk non così lontane in realtà da certe esperienze degli anni  ’70. In questo nuovo Radici invece i Murmur Mori si sono concentrati essenzialmente sul folk. C’è la forte volontà di recuperare tutto un patrimonio di fiabe e leggende italiane: Radici recupera il patrimonio culturale e  le tradizioni di epoche mitiche, lontane anni luce dall’attuale era moderna convulsa, materialista e totalmente priva di magia. Il disco è dedicato, non a caso, ai bambini, i soli che, grazie alla loro innocenza e purezza, sono in grado di godere appieno della magia senza tempo di queste composizioni. Radici è composto da 11 pezzi, ognuno dei quali è ispirato a una diversa leggenda popolare italiana. Possiamo ascoltare così cristallini ricami acustici come nella delicata e fiabesca Götwiarghini e nella mistica “Il sole e l’eremita”. Il livello generale è in ogni caso elevato: canzoni come “Le tre colonne nel mare”, “La tomba nel Busento” – dove vengono citati Alarico e i Goti – e “L’osso che canta” rimandano a crepuscoli incantati, ad atmosfere fatate che ci portano in un’altra dimensione. I testi sono molto belli ed evocano paesaggi fuori dal tempo. Certo in questo caso l’etichetta neo-folk sarebbe fuorviante in quanto ci troviamo di fronte a un disco di puro folk. Disponibile su Bandcamp: https://murmurmori.bandcamp.com/.

Condividi:

Lascia un commento

*