Orghanon: Retrospectre

104
0
Condividi:

Rientro sulle scene per Sergio Calzoni (Alma Mater, Colloquio) e per la sigla Orghanon, operatrice nel 2015 dell’eccellente “Figures in slow motion”. In Retrospectre si avvale di una squadra di collaboratori di alto livello e del marchio della Time Released Sound di San Francisco, California, ed il risultato è ancora una volta stupefacente. Proporsi nel 2017 con sonorità così rarefatte ed ascrivibili ad una ambient-music della quale ogni possibile sviluppo futuro parrebbe già tracciato, significa affrontare la materia con spirito indagatore e libero da preconcetti; Sergio supera la prova avvalendosi dell’esperienza maturata nel corso degli anni e ricorrendo ad una formula descrittiva che coinvolge l’ascoltatore non solo emotivamente, ma pure fisicamente, tanto potente è il flusso sonoro che queste otto tracce diffondono avvolgendo letteralmente chi lo assume mantenendo ben alta la tensione narrativa. Perchè pare di trovarsi dinanzi a dei fogli segnati da una fitta rete di appunti e tracciati da una grafia elegante, rendendoli così pienamente intelligibili anche al lettore che pare averli trovati per caso, abbandonati sulle tavole d’una panchina, in un parco ammantato dal velo umido della nebbia di fine inverno. Note che si allungano e poi repentinamente si ritraggono, come il selvatico che nella propria tana trova riparo da un pericolo che solo intuisce, ma le otto stazioni di Retrospectre infondono un senso di pace contemplativa, come guardarsi indietro e riveder i propri passi segnati sul ghiaione di un sentiero impervio che pure si sta affrontando con leggerezza. Rarefazione che non determina senso di apnea bensì ci sprona a salire ancora, certi che ulteriori sorprese ci attenderanno alla prossima svolta; nella nostra memoria si fisserà ogni attimo del cammino compiuto, accompagnato da composizioni solenni, elaborate con grande gusto da musicisti che si affiancano a Sergio e che ne assecondano le intuizioni, giungendo ad una perfetta interazione che attribuisce ulteriore valore a quest’opera senza tempo.

 

 

Per informazioni: http://www.timereleasedsound.com
Web: http://www.orghanon.com
Condividi:

Lascia un commento

*