daRKRam: Stone and death

0
Condividi:

Ennesima conferma della bontà delle scelte operate dall’attiva My Kingdom Music (Stone and death esce per la sussidiaria Club Inferno Ent. che della label madre è l’incubatrice di talenti), l’esordio del sorprendente one-man-project daRKRam (sotto questo pseudonimo si cela il trombettista e flicornista Ramon Moro, lo stile personale del quale ricorda in alcune ambientazioni Mark Isham) sonda gli abissi più profondi dell’ambient. Le nove stanze che compongono quest’opera rinnovano una formula sperimentata che però offre ancora inediti spunti di lettura, approdando a soluzioni assai inreressanti, come in “VIII (Inner need)”, discesa negli inferi accompagnati da un Caronte quanto mai disposto a descrivere i patimenti che dovremo affrontare, mentre “XXII (Equilibrium”) è percorsa da un romore sordo che pare di falciatrice meccanica (mi sovviene l’immagine di un “horse rotorvator”…), poi ad un tratto (sensazione che ricorrerà altrove) parrà di trovarsi a bordo dell’U-Boot 96 braccato dalla caccia inglese, rimpiattato sul fondo del Golfo di Biscaglia, coll’equipaggio costretto all’immobilità per non tradire la propria presenza. “VI (Male role)” rinchiude i Killing Joke in un mausoleo festonato di musco, posto al centro di un cimitero abbandonato da decenni, colle fondamenta che sprofondano nella terra sconsacrata; è una litania sepolcrale, una immaginifica marcia funebre composta in onore di divinità abiette e dementi esiliate ai margini dell’universo conosciuto. Sia gli episodi più concisi che quelli più estesi fanno emergere l’adesione di daRKRam all’ala dark-ambient più plumbea ed introversa, ricorrendo esso sovente ad elementi ascrivibili al black metal più sperimentale, diversi ma complementari, andando così a definire una unica suite arcana e maestosa nel suo solenne incedere (“V-Inner essence”). Una sinfonia occulta, agghiacciante nel finale di “X (Connection)” e di “XII (Conflict)” (ecco che emerge l’inclinazione black metal) che fa ben sperare per il futuro della sigla daRKRam.

Per informazioni: http://www.mykingdommusic.net/clubinferno
Web: http://www.facebook.com/daRKRamofficial
Condividi:

Lascia un commento

*