Naga: Inanimate

0
Condividi:

La marcia disperata di padre e figlio in “The road” di Cormac McCarthy. La ricerca della luce, del calore di un sole pallido. L’inverno infinito, la speranza che si smarrisce tra morte e violenza, l’epilogo che lascia intravedere un barlume di speranza tra cotanto manifesto dolore. In questa mezz’ora scarsa di di occult-doom è il gelo a dominare incontrastato, quello evocato dal death/black più ortodosso e spietato (cito un capolavoro del genere come “Storm of the light bane” dei Dissection); le sonorità che marchiano Inanimate sono però caratterizzate da una lentezza esasperante, da una profondità abissale che la nostra immaginazione può solo sfiorare. Il rantolo di Lofrenzo de Stefano (pure chitarrista) agghiaccia, il tonitruante percussionismo di Dario Graziano abbatte ogni ostacolo interagendo ottimamente con il basso di Emanuele Schember (come tanti loro colleghi provenienti dal Sud degli U.S.A. offrono una prova muscolare di lucida determinazione) la chitarra vomita note che tagliano come il black più feroce (e rimando a quanto sottolineato ad inizio di scritto), ma infine ci si ritrova al punto di partenza, come esplica una “TMWRRI” che si avvolge letteralmente su se stessa. Paludi e desolazione, sabbie mobili e distese di acque stagne e putrescenti. E’ questo l’episodio più incisivo dei cinque che compongono Inanimate (del quale Everlasting Spew offre la versione in cd, in origine venne pubblicato su vinile in sole cento copie da Lay Bare Recordings, privo della traccia “Worm” quivi aggiunta), monolite nero pronto a schiantarsi sulla Terra. Le urla belluine (“Thrives”), lo stordimento provocato dalla batteria che viene amplificato da una sei corde che emette un suono spaventevole, ultraterreno, pura evocazione del Male, condensate in queste cinque tracce che nulla fanno per compiacere, Inanimate è l’ennesima, geniale opera prodotta da un gruppo italiano (vengono da Napoli, i Naga), ormai non si contano più, ed è un bene!

 

Per informazioni: http://www.facebook.com/nagadoom
Web: https://nagadoom.bandcamp.com/
TagsNaga
Condividi:

Lascia un commento

*