Dreams Are Like Water: A sea-spell EP

0
Condividi:

 

Tarda l’Autunno, ma proprio stamane ho ritirato il pacchetto contenente questo delizioso EP licenziato dalla piccola ma attenta Vesper Records, ad onta di un clima decisamente bizzarro mi trovo a gioire di quattro intense composizioni che ben dispongono ad un mutuamento delle temperature e dell’atmosfera. Dalla Nuova Zelanda giunge questo terzetto incline a coniugare il verbo death-rock alle melodie congeniali ai Cocteau Twins, ai quali si ispirano il ritmo di “(Thrice) In blood” colle sue chitarre che s’avvinghiano come l’edera al pentagramma, una “Ineffable” che segna più d’un omaggio al seminale ensemble di Falkirk e sopra tutto il cantato di Rosebud Garland, dotata d’una graziosa ed immacolata vocetta. Ma non di luce riflessa vive A sea-spell EP, va lodato il riuscito tentativo operato dai DaLW di ancorare la loro proposta a riferimenti ben precisi senza per questo limitarsi ad un esercizio di pura calligrafica, infondendo in questi brani uno spirito che è ancora indomito (l’incedere compassato di “Feathered infant bells”). Sì, le voglie sono ancora verdi e tenacemente attaccate ai loro brani, ma la brezza che spira da Nord annuncia che presto la stagione entrerà nel suo pieno fulgore.

Condividi:

Lascia un commento

*