Infestus: Dresses of darkness

0
Condividi:

 

Ancora acerbi i cinque venezuelani, pur se attivi dal 1997 hanno finora pubblicato solo la demo “Infestus” del 2004, che Club Inferno Ent. (“incubatrice” dell’ottima My Kingdom Music) mette sotto la propria ala protettiva, patrocinando un ep digitale ove le classiche sonorità goth-metal trovano sfogo, con risultati apprezzabili in “My mournful Charlotte” ed in “Blood Matriarch”; va sottolineata la buona coesione della coppia d’asce fornita da Felipe Foti e Hector Perez, ai quali funge da eccellente supporto la sezione ritmica appannaggio di Carlos Azuaje (drums) e Antonio Gonzales (basso), mentre la voce di Raul Garcia non trova appoggio nella produzione, invero un po’ “povera”, pur evidenziando una buona impostazione (a tratti mi ricorda il più dotato Gjo dei “nostri” My Mannequin). E’ in “Lobizon” che il vocalist “soffre” maggiormente, cercando poi riscatto nella citata “Blood Matriarch”, rifugiandosi in un canonico ma convincente “growl”. Dresses of darkness non stravolgerà le gerarchie rigide del gothic-metal, va a loro ascritto il merito di operare in un contaesto sicuramente poco accomodante nei confronti di queste sonorità. Meritano comunque un ascolto.

Per informazioni: http://www.mykingdommusic.net/club-inferno
Web: http://www.facebook.com/infestusvampire
Condividi:

Lascia un commento

*