L'Infinito Abisso dell'Anima: In viva morte morta vita vivo

0
Condividi:

Monicker e titolo costituiscono validi indizi circa i contenuti di quest’opera che costituisce l’esordio per Ivan Bonomi e Vito Burini, i quali si suddividono strumenti, voci e liriche, privilegiate queste dalla opportuna scelta del cantato in lingua madre. Elemento non trascurabile, è proprio la componente testi ad avvalorare l’impressione netta di accostarsi ad un disco valido, perfettamente inserito nel filone del black metal più oltranzista, brutale e nichilista. Poco spazio alla melodia, eppur presente e ben dosata, chitarre taglienti, drumming forsennato ed un cantato che esprime una desolazione abissale, un senso di vuoto leopardiano ed un malessere tangibile al quale solo la Morte può apparentemente recare sollievo; l’aforisma di Giordano Bruno scelto come intestazione del lavoro manifesta l’adesione totalizzante del duo ad un approccio all’esistenza che, considerando i tempi che stiamo pur troppo vivendo, si dimostra attualissimo. Un episodio come “Quello che resta”, attraversato da un piano dolente e rinforzato da un senso di epica e solenne rassegnazione, indicano chiaramente che Bonomi e Burini sono in possesso di una abbondante scorta di idee e di un’attitudine alla composizione aperta ed attenta (i cinque brani sfiorano o superano i dieci minuti di durata, eppure mai cala la tensione narrativa) e che sono pronti ad entrare nel roster della “maggiore” My Kingdom Music, al fianco di autentici maestri quali Crest of Darkness e Deinonychus, dei quali sintetizzano stile ed attitudine. Aggiungerei pure i DunkelNacht per la verve sperimentale della quale il duo fa sfoggio, ed è curioso che un brano intitolato “Nenia”, valorizzato da un agghiacciante inserto recitato da una ospite della quale non ho individuato il nome, appaia pure sull’ultimo eppì dei transalpini, e per quanto riguarda la conclusiva “Vertigini” i mai dimenticati Cultus Sanguine, limitatamente alle porzioni più rallentate.

 

 

Per informazioni: http://www.mykingdommusic.net/club-inferno
Web: http://www.facebook.com/linfinitoabissodellanima
Condividi:

Lascia un commento

*