Marco Milanesio: L’ultimo viaggio del Conte Rosso

0
Condividi:

“Gli eroi sono sempre immortali agli occhi di chi in essi crede. E così i ragazzi crederanno che il Torino non è morto: è soltanto in trasferta” così Indro Montanelli ricordava la tragedia del Grande Torino sul Corriere della Sera avvenuta il 4 maggio 1949 in cui l’aereo, che riaccompagnava la squadra da Lisbona dopo un’amichevole con il Benfica, si schiantava sulla Basilica di Superga: la squadra italiana più forte di sempre scompariva entrando nel mito e nella leggenda. “La città di Torino e l’Italia perdono diciotto fra i migliori atleti che vantasse il nostro calcio. Il vuoto appare subito incolmabile. Un’intera generazione viene decapitata… Il Torino stava sostituendosi alla Juventus nel tifo degli italiani. In Valentino Mazzola vedevano tutti il meglio del nostro calcio sopravvissuto alla guerra.” scrisse invece il grande Gianni Brera. A testimonianza di un mito che non cessa mai di tramontare e che viene sempre ricordato esce ora, presso l’etichetta indipendente svizzera Swiss Dark Nights – molto attenta alla scena post-punk contemporanea – di Valerio Lovecchio, un cd di Marco Milanesio, musicista sperimentale, tecnico del suono e sound-designer. Il disco si intitola L’ultimo viaggio del Conte Rosso – il Conte Rosso era il nome del pullman con cui andavano in trasferta i giocatori del Grande Torino- ed è una colonna sonora di un documentario opera di Fabiana Antonioli, prodotto da FILMIKA e distribuito da TUTTOSPORT uscito nel 2016: la vicenda narra le vicissitudini dei ragazzi della squadra primavera che sostituirono il Grande Torino nelle ultime 4 giornate del 1949. In origine il disco era uscito solo su audiocassetta in un’edizione ultralimitata a 50 copie per l’etichetta DELETE RECORDINGS. Questa nuova edizione comprende 4 tracce in più mentre tutti i brani sono stati rimasterizzati. La musica alterna momenti più pacati ed ambient ad altri in cui emergono soluzioni più ritmiche. Pur essendo un disco di musica elettronica sperimentale le atmosfere non sono fredde ma riescono a comunicare il senso di una malinconia e nostalgia  senza tempo come in “Primavera Torino”, “17.05” e “Superga  4 maggio 1949”. Disco caldamente consigliato ai seguaci dell’elettronica, dell’ambient e ai cultori di un mito indissolubile. Ottima uscita del nuovo catalogo della Swiss Dark Knights dedicato alla musica sperimentale. Il cd è disponibile su Bandcamp al seguente link https://swissdarknightsexp.bandcamp.com/album/lultimo-viaggio-del-conte-rosso e può essere richiesto presso il sito della Swiss Dark Knights https://swissdarknights.bandcamp.com/.

 

Condividi:

Lascia un commento

*