White Hills & Der Blutharsch And The Infinite Church Of The Leading Hand: Desire

0
Condividi:

Con il nuovo anno arrivano novità in casa sotto forma di un mini cd in collaborazione con i White Hills intitolato Desire. I White Hills non saranno sconosciuti a chi frequenta la psichedelia e le sonorità acide e space-rock: il gruppo americano, fondato nel 2005 da Dave W. (chitarra e voce) e da Ego Sensation (basso e voce) hanno alle spalle oltre 40 uscite discografiche fra dischi e collaborazioni varie con nomi come Acid Mothers Temple e gli stessi Blutahrsch nel singolo del 2010 Today I Want To Catch Clouds.: inoltre hanno partecipato anche alla colonna sonora del film Solo gli amanti sopravvivono di Jim Jarmusch. I White Hills hanno ricevuto recensioni entusiastiche da parte del guru Julian Cope e sono considerati molto influenti. Non sorprende che abbiano deciso di unire le loro forze con Albin Julius: Dave W. è infatti anche un un fan di Der Blutharsch, Current 93, Coil e di gruppi post-punk come i Virgin Prunes. Dall’altra parte è ormai da tempo che i Blutharsch hanno cambiato pelle diventando un gruppo di psichedelia anche se restano sempre oscuri. Le 5 tracce di Desire sono caratterizzate, nel solco dell’ultima produzione di Albin Julius, da sonorità liquide ed espanse fin dalla prima traccia “Nom De Guerre”dove possiamo ascoltare un bel basso pulsante. Nella successiva “Await The Moon” entriamo in territori prossimo a  una psichedelia rituale con la voce ieratica di Marthynna a condurre le danze accompagnata da un sinuoso tappeto di tastiere e chitarre acide al punto giusto. La title-track ci avvolge con le sue spirali mantriche e le sue ritmiche post-punk con il basso in grande evidenza: decisamente l’amore per certi suoni non ha mai abbandonato i Blutharsch. In “Sig” le tastiere sono espanse, cosmiche e molto space-rock creando un piacevole stato ipnotico mentre la conclusiva “Lover” è una mistica danza ipnotica condotta dalla sempre brava Marthynna. Caldamente consigliato ai seguaci del culto officiato da Albin Julius.

Condividi:

Lascia un commento

*