Skag Arcade & meanwhile.in.texas: Twentynine Palms

0
Condividi:

LUCE SIA conferma di essere diventata un punto di riferimento imprescindibile nel panorama della musica sperimentale e post-industriale italiana. Pur essendo di base in Svizzera l’etichetta elvetica ha nel suo catalogo artisti del calibro di Gianluca Becuzzi, Massimo Olla, Maurizio Bianchi, ODRZ, The Tapes, Bad Sector e Sshe Retina Stimulants. Ora è la volta di questa interessante collaborazione fra Ska Arcade (Paolo Colavita) e meanwhile.in.texas (Angelo Guido), 2 artisti non molto conosciuti ma che avevano, in passato, pubblicato Fernweh nel 2016. Questo nuovo Twentynine Palms, altra cassetta pubblicata da LUCE SIA, che trova questo formato congeniale alla sua filosofia “artigianale” e carbonara, è concepito come il secondo capitolo dedicato a un’ipotetica trilogia ambient-industrial dedicata agli sconfinati deserti americani. Il”concept” mi ha fatto venire in mente un artista come Steve Roach che ha fatto del deserto la propria abitazione fisica e spirituale e ne ha tratto ispirazione per la sua poderosa e impressinante carriera artistica. Twentynine Palms è caratterizzato da un’alternanza fra ambientazioni ambient e noise: l’inizio della title-track è quieto e pacato: la struttura è costruita mediante suoni stratificati e voci campionate mentre il suono diventa progressivamente abrasivo e noise. La successiva “Lost Horse Valley” è invece basata su un lungo bordone elettronico e ipnotico che evoca realmente l’atmosfera straniante del deserto. Con “Neon Dusk, Neon Dust” le atmosfere ritornano cupe e deflagranti nella migliore tradizione post-industriale mentre in “Inland Empire” respiriamo un clima sinistro e inquietante molto vicino a certe produzioni dark-ambient di Lustmord. La conclusiva “Roadrunner” riempie lo spazio con sonorità  psichedeliche ed eteree nel solco di un ambient-industrial cosmico. Twentynine Palms  è caldamente consigliato ai seguaci del post-industrial e del dark-ambient ed esce in un’edizione rigorosamente limitata a 60 copie. Disponibile su Bandcamp (https://skagarcade.bandcamp.com/) e presso LUCE SIA (https://www.facebook.com/LuceSiaLabel/).

Condividi:

Lascia un commento

*