Recensione - Nite Fields: Depersonalisation

(CD - Felte, 2015)

Mi è piaciuto immensamente Depersonalisation, il debut album del quartetto australiano Nite Fields. Non perché rappresenti una svolta o un’esperienza del tutto nuova, ma perché fa riferimento a quel filone del post-punk che comprendeva band come i Durutti Column o gli House of Love e che ho amato molto: paesaggi malinconici e ‘scolorati’, tipicamente britannici, [...]

Nessun commento »

Recensione - Go Flamingo!: Flashover

(CD - Black Fading Records/Front Of House/Audioglobe, 2015)

Ricevo un pacchetto dall’attiva Black Fading/FoH, lo apro e… I Go Flamingo! E qui ci vorrebbe il doppio punto esclamativo. No, stavolta non vi tedio con ricordi, afflati nostalgici… La new-wave è ormai radicata nelle play delle emittenti che più si ascoltano, Editors, Interpol e tutta la schiera di nipotastri dei Joy Division/New Order hanno [...]

Nessun commento »

Recensione - Jesus Rodriguez: U bram piekla

(CD - Mexican Radio Records, 2014)

Prima premessa: la grafia, me ne scuso, forzatamente non è corretta. Tutti i titoli e le note di copertina sono riportati in polacco. Seconda premessa: esistono/esistettero diversi Jesus Rodriguez. Ne venni a conoscenza di uno. Estate scorsa, una sera, accendo la televisione. Gesto tutt’altro che rituale, a casa mia. Lo feci perchè, pur essendo agosto, [...]

Nessun commento »

Recensione - Hybrids: The Ritual Should Be Kept Alive

(CD - Zoharum, 2015)

Gli Hybrids sono un gruppo di culto in ambito dark-ambient e industrial formatisi nei primi anni ’80 . La loro proposta si è subito caratterizzata per forti influenze di musica etnica unite a pulsioni industrial. Hanno creato una una formula che ha fatto scuola risultando influenti per molti artisti. Quel che emerge ascoltano gli album [...]

Nessun commento »

Recensione - Geometric Vision: Virtual Analog Tears

(CD - SwissDarkNights, 2015)

I ragazzi crescono e i risultati si vedono. Virtual Analog Tears è il secondo lavoro di una band italiana che abbiamo notato fin dal promettente debut album (Dream) di meno di due anni fa e per questo abbiamo deciso di seguire. Questo tempo ha portato con sé avvenimenti e, soprattutto successi, grazie anche alle numerose [...]

Nessun commento »

Recensione - Bat Nouveau: Metamorphoses

(CD - Hands And Moment/Mass Media Records, 2015)

Niente affatto male questo progetto australiano, fondato nel 2008 da Todd Manion e Alex Palmer che tuttavia solo di recente ha pubblicato il primo full-length, Metamorphoses. Post-punk, new wave e goth sono le parole d’ordine del duo, che attinge elementi da questi filoni, utilizzandoli con disinvoltura al fine di creare il proprio sound: un’operazione che, [...]

Nessun commento »

Recensione - Desperate Journalist: Desperate Journalist

(CD - fierce panda records, 2015)

Primo album per un quartetto londinese che cerca di farsi strada senza lasciarsi inglobare nel gioco dei paragoni con il passato. Jo Bevan, Simon Drowner, Rob Hardy e Caz Hellbent, ovvero i Desperate Journalist, sono apparsi un paio di anni fa: il fatto che il moniker derivi da un brano dei Cure fra i meno [...]

Nessun commento »

Recensione - Expo Seventy: Frozen Living Elements

(CD - Zoharum, 2014)

Expo Seventy è un progetto di musica space-rock, ambient e drone fondato a Los Angeles dal chitarrista Justin Wright. Wright era il membro di un gruppo chiamato Living Science Foundation. Ora gli Expo Seventy sono di base a Kansas City. Nel corso della loro carriera hanno pubblicato numerosi cd che hanno fatto paragonare la loro [...]

Nessun commento »

Recensione - Orghanon: Figures In Slow Motion

(CD - Eibon Records, 2015)

Sergio Calzoni è ormai un talento consolidato nel campo della musica elettronica (rivordiamo la sua attività con gli Act Noir) e ambient come testimoniato dall’album dei Colloquio , progetto molto interessante – di cui fa parte anche Gianni Pedretti – di cui abbiamo parlato su Ver Sacrum a proposito di L’entrata – L’uscita . In [...]

Nessun commento »

Recensione - Sorry, Heels: The accuracy of silence

( - , )

Si completa la prima parte del percorso artistico del valido quartetto dei Sorry, Heels, passo doveroso che segue i due promettenti EP “Wasted” e “Distances”, coi quali avevano solleticato gli appetiti degli appassionati di dark/goth, proposta resa più intrigante dalle esperienze maturate da Fabiano e da David. Se l’iniziale “Light’s end” può sembrare interlocutoria, “Carving [...]

Nessun commento »
Powered by WordPress