Recensione - 23 Threads: Conspicuous Unobstructed Path

(CD - Zoharum, 2015)

A distanza di 20 anni e dallalbum di debutto Magija ritornano i 23 Threads. Il gruppo polacco è quel che si può definire un progetto di “nicchia” e di culto come si può d’altronde capire guardando le foto della copertina che ci mostra simboli esoterici come un gallo e una spada. I membri sono Marek [...]

Nessun commento »

Recensione - Settore Giada: Notturno

(CD - Alienated Records, 2015)

Il polistrumentista ticinese Ali Salvioni porta la sua creatura Settore Giada alla prova del secondo album “Notturno”, dopo il debutto del 2012 con “Per Elisa”.
Le 10 tracce originali che compongono l’album assieme alla cover “A Strange Kind of Love” di Peter Murphy trascinano l’ascoltatore in un viaggio costellato di immagini e sensazioni eleganti ed essenziali, [...]

Nessun commento »

Recensione - Omrade: Edari

(CD - My Kingdom Music/Audioglobe/Aural Music, 2015)

Sorprendente, Edari degli Omrade, duo francese al suo esordio. Non traccia riferimenti certi, perché fornisce una tale mole di indizi che seguire un percorso univoco non ha senso. Ascoltarlo con attenzione è l’unica soluzione possibile. Eppoi magari giocare ad incastrare le tessere del puzzle sonoro, per addivenire ad una soluzione che può però venir completamente [...]

Nessun commento »

Recensione - Femme Fatality: Stranger

(EP - Black Hearts & Pink Parts, 2015)

Femme Fatality, progetto nato a Los Angeles nel 2003, fa uscire in questi giorni un EP con cinque tracce, intitolato Stranger. Fondato da Bradley M Palermo con la collaborazione del polistrumentista Shane Mongeau, il gruppo è orientato verso forme espressive fra il synth-pop e l’electro, con sporadici interventi della chitarra e atmosfere complessivamente dark: niente [...]

Nessun commento »

Recensione - Wire: Wire

(CD - Pink Flag, 2015)

Arriva quest’anno un altro tassello nella bella, ricca carriera degli Wire. Ad oggi, le soddisfazioni non sono mancate, le delusioni sono state, tutto sommato, di scarso rilievo: tanto tempo è passato e loro ci sono sempre, compagni di strada di una storia musicale mai finita. Perciò, l’uscita di un loro lavoro è un evento imperdibile [...]

Nessun commento »

Recensione - (re)offender: (re)offender

(EP - New Model Label, 2015)

I (re)offender sono un gruppo di Frosinone attivo dal 2011. La band ha fatto finora uscire tre EP autoprodotti, dei quali l’ultimo, (re)offender , messo in circolazione l’anno scorso, è stato pubblicato recentemente dalla New Model Label. Sbirciando nella loro pagina Facebook, si noterà che i sei definiscono la propria musica ‘emo-wave’: in effetti le [...]

2 commenti »

Recensione - Rapoon: What Do You Suppose? (The Alien Question)

(CD - Zoharum, 2015)

Robin Storey – nome imprescindibile per chi segue la musica industrial, sperimentale, l’elettronica e il tribal-ambient prima con i leggendari Zoviet France poi da solo con Rapoon – riapre gli archivi delle sue vecchie registrazioni e rispolvera What Do You Suppose? (The Alien Question), vecchio album dei Rapoon pubblicato in origine nel 1999 e ristampato [...]

Nessun commento »

Recensione - Helfir: Still bleeding

(CD - My Kingdom Music/Audioglobe/Aural Music, 2015)

Fa tutto da solo Luca Mazzotta (coadiuvato alla batteria da Antonio Canizza e da Francesco Politi in cinque delle nove tracce di Still bleeding), ma non ne risente l’impatto di un disco che sa coinvolgere emotivamente l’ascoltatore, anche quello meno avvezzo a sonorità oscure e crepuscolari. Già la suggestiva intro “The oracle” lascia intravedere squarci [...]

Nessun commento »

Recensione - The Citizen: Curtain call

(CD - My Kingdom Music/Audioglobe/Aural Music, 2015)

Trovano spazio nel roster dell’attiva My Kingdom Music pure i The Citizen dei fratelli Ciro (detto Ace) e Franco Amoroso, voce e basso di un quartetto recentemente completato dal chitarrista Noam Radetich e dal batterista Roberto Coscia. L’ammirazione per certo rock di matrice britannica giustifica otto tracce dinamiche (Curtain call è completato da una “Intro” [...]

Nessun commento »

Recensione - Black Sun Productions: operettAmorale

(Cofanetto - Rustblade, 2015)

Massimo e Pierce sono 2 artisti alternativi, sperimentatori sonori e performers oltre ad essere le 2 menti dietro il progetto sonoro e visuale “Black Sun Productions” di Zurigo, città dove vivono. Sono conosciuti anche sotto il monicker di The Anarcocks. Si riconoscono da sempre in una “visione” gay dell’arte e, non a caso, hanno collaborato [...]

Nessun commento »
Powered by WordPress