Recensione - Interpol: El Pintor

(CD - Matador, 2014)

Quinto full-length per gli Interpol, gruppo che ha contribuito fortemente alla riaffermazione del genere darkwave finchè non è tornato di moda come non mai. I newyorkesi sono rimasti orfani nel 2010 dell’ottimo bassista Carlos Dengler che, di fatto, non è mai stato rimpiazzato e dunque El Pintor – il titolo è l’anagramma di Interpol! – [...]

Nessun commento »

Recensione - Karma In Auge: Socialnoia

(EP - Autoproduzione, 2014)

Nuovo eppì per i tarantini, ed ancora una volta il terzetto dimostra di possedere vigore ed idee, che certamente verranno messe a profitto nell’album che, lo auspichiamo, seguirà. Sì, è la new wave più scarnificata quella che Salvatore Piccione, Giovanni D’Elia e Mimmo Frioli interpretano con passione, ma la strumentale “Music for McLuhan” lascia abbondanti [...]

Nessun commento »

Recensione - Clustersun: Out of your ego

(CD - Seahorse Recordings/Audioglobe, 2014)

Ancora piccole meraviglie dalla Sicilia. Dopo gli ottimi Hysterical Sublime, ecco i Clustersun. I quali, a differenza dei loro conterranei, si propongono con una formula più estesa, contando Out of you ego otto tracce, la maggior parte di durata superiore ai cinque minuti. E che piazzano “Hipgnosis” subito all’inizio, l’opener perfetta, con quell’interazione degli strumenti [...]

Nessun commento »

Recensione - Fatal Casualties: Psalm

(LP - Seja records, 2014)

I Fatal Casualties sono un duo svedese costituito da Stefan Ljungdahl e Ivan Hirvonen. Amici d’infanzia, musicisti praticamente da sempre, solo dal 2010 a questa parte hanno iniziato ad essere conosciuti per la loro attività, in particolare dopo l’EP Paria, notato dalla critica. I Fatal Casuaties sono orientati all’electro, nei passaggi più duri anche all’EBM [...]

Nessun commento »

Recensione - Sabled Sun: Signals I-III

(Cofanetto - Cryo Chamber, 2014)

La Cryo Chamber è diventata un’etichetta di culto del dark-ambient che si contraddistingue per l’estrema qualità audio delle sue proposte rigorosamente a 24 bit. La mente della label è Simon Heath – membro degli Atrium Carceri, un nome non sconosciuto agli amanti del genere. Ora esce, in un’elegante e lussuoso box in 3 cd, l’album [...]

Nessun commento »

Recensione - Koban: Vide

(EP - Weyrd Son Records, 2014)

Progetto darkwave in attività da qualche anno, i Koban di Vancouver – Samuel Buss e Brittany West – hanno fatto uscire da poco Vide, un EP con sei brani, che segna il loro trasferimento alla Weyrd Son Records. La loro musica palesemente ispirata al postpunk/new wave anni ’80 e caratterizzata da una struttura alquanto minimale [...]

Nessun commento »

Recensione - Her Name Is Calla: Navigator

(CD - Denovali, 2014)

Her Name Is Calla, band inglese di post-rock molto oscuro capitanata da Tom Morris, ha pubblicato il terzo full-length, Navigator, a distanza di tre anni dal precedente The Quiet Lamb che aveva ottenuto molti elogi dalla critica. Fedele ad uno stile sobrio ma incentrata su tematiche improntate ad un cupo pessimismo, la loro musica è [...]

Nessun commento »

Recensione - Borghesia: And Man Created God

(CD - Metropolis, 2014)

Non conosciuti come i conterranei Laibach, i Borghesia hanno comuque una storia lunga e movimentata alle spalle, essendo attivi nel campo della musica – sia pure con pause lunghissime – fin dai primi anni ’80. Troppo peculiari e cerebrali per guadagnarsi un seguito di massa – e le tematiche spinose da loro trattate non hanno [...]

Nessun commento »

Recensione - A Dead Forest Index: Cast of Lines

(EP - Pop Noire Records, 2014)

Il progetto A Dead Forest Index è formato dai fratelli Adam e Sam Sherry di Auckland, New Zealand. Le leggende raccontano che i due si siano avvicinati alla musica perché affascinati dal modo di suonare della band rumena Taraf De Haidouks: dopo la morte del frontman Nicolai Nescu, il vocalist Adam avrebbe seguito la band [...]

Nessun commento »

Recensione - Martyn Bates: Arriving Fire

(CD - A-scale, 2014)

Martyn Bates, uno dei fondatori della storica band new wave britannica Eyeless In Gaza, ha pubblicato in questo periodo un altro lavoro solista. Musicista attivissimo e molto prolifico, Bates è solito spaziare fra i generi e gli stili senza mai attestarsi su canoni precisi, come a suo tempo si osservò a proposito della ristampa dell’album [...]

Nessun commento »
Powered by WordPress