Recensione - Katatonia: The fall of hearts

(CD - Peaceville Records/Audioglobe, 2016)

Katatonia: un nome che incute deferenza al solo udirlo. E che evoca paesaggi lontani, freddi, solitari. La tundra sconfinata, lo sguardo che si perde volgendosi tutt’attorno e che non riesce ad abbracciarla tutta, distese d’arbusti che crescono resistendo al vento che spira incessante dal Nord, che li piega e li strappa, facendoli rotolare via fra [...]

Nessun commento »

Recensione - Simon Balestrazzi: Ghost System

(CD - Azoth, 2016)

Simon Balestrazzi è un veterano della scena sperimentale italiana. Attivo fini dagli anni ’80 con i mitici T.A.C. , ha collaborato anche in vari progetti fra cui i Kirlian Camera, i leggendari Kino Glaz del mitico disco Al passo con l’Arcangelo e recentemente con i New Processean Order . Il musicista  di Parma ha in [...]

Nessun commento »

Recensione - Verdiana Raw: Whales Know the Route

(CD - Pippola Music, 2016)

Giusto il tempo di lasciar ‘sedimentare’ un paio di giorni le belle sensazioni suscitate dal concerto ed eccoci a parlare del nuovo album di Verdiana Raw, pubblicato in questi giorni per Pippola Music con la produzione di Paolo Favati. Whales Know the Route segna, per molti aspetti, una svolta nell’ispirazione dell’artista che, per quanto ‘adottata’, [...]

Nessun commento »

Recensione - Cretura: Fall of the seventh golden star

(CD - WormHoleDeath Records, 2016)

Introdotto dall’evocativa “Past present & future” (la nebbia che cala sul fiordo dalle foreste silenti ricopre le nostre vesti d’un velo ghiacciato), Fall of the seventh golden star c’introduce all’epica narrativa dei Cretura, impegnati in un black/death bombastico poggiante sull’alternanza tra cadenzati possenti che citano con rispetto anche i Bathory più incompromessi e brani più [...]

Nessun commento »

Recensione - Maka Isna: Reflections of Darkness

(CD - - / -, 2016)

Torna Alessandro Bucci con il suo progetto Maka Isna, inizialmente ispirato, come si sa da lui stesso, alle atmosfere dei film horror e oggi evoluto in svariate direzioni con la massima libertà creativa. Dopo le derive ambient e le divagazioni ‘classiche’, Maka Isna ci propone stavolta Reflections of Darkness una sorta di lavoro ‘corale’, nato [...]

Nessun commento »

Recensione - Youth Code: Commitment to Complications

(CD - Dais Records, 2016)

Gli Youth Code sono stati per chi scrive una delle migliori sorprese musicali degli ultimi anni. Ammetto di averli conosciuti soprattutto in virtù del loro strettissimo rapporto con gli Skinny Puppy, di cui sono un grande fan: questa relazione speciale con la band di Nivek Ogre e Cevin Key è stata una fortuna anche per [...]

Nessun commento »

Recensione - Neronoia: Mi piaceva una vita

(CD - Eibon Records, 2015)

Davvero intrigante il progetto Neronoia di cui è uscito uscito il secondo album intitolato Mi piaceva una vita fa per i tipi della Eibon Records, etichetta italiana molto attenta e competente in materia dark-ambient e dark-wave. Il gruppo nasce dalla fusione fra i Canaan e i Colloquio: l’alchimia fra i 2 gruppi ha generato una [...]

Nessun commento »

Recensione - Helalyn Flowers: Sonic foundation

(CD - Alfa-Matrix, 2016)

Miscelando abilmente il gusto per il pop alterna dei Garbage col goth/nu/metal dei Lacuna Coil, aggiungendo parti di industrial ed un tocco glamour a la Deathstars/Zeromancer, N0emi Aurora (splendida interprete, grintosa ma anche sensuale, ascoltate la magnifica “Eerie” o la lenta e melanconica “I saved an angel”) ed il sempre più autorevole maXX, a sua [...]

Nessun commento »

Recensione - European Ghost: Pale & Sick

(CD - Unknown Pleasures Records, 2016)

Una positiva scoperta gli European Ghost, un trio di Bologna di recente formazione che fa uscire in questo giorni il debut album, Pale & Sick. Non che i nostri siano dei novellini in campo musicale, tutt’altro: Giuseppe Taibi è un nome noto a chi, come chi scrive, ha amato i lavori di Two Moons (Colors, [...]

Un commento »

Recensione - Machinefabriek: Wendingen

(CD - Zoharum, 2016)

L’olandese Rutger Zuydervelt continua a pubblicare nuovo materiale sotto la sigla Machinefabriek ancora per la Zoharum: si tratta ormai del 3 disco per la label polacca. Su Ver Sacrum avevo parlato in precedenza di Stilness Soundtrack . Il nuovo disco, intitolato Wendingen, è in realtà un progetto particolare in quanto si tratta di una sorta di [...]

Nessun commento »
Powered by WordPress