Recensione - L'ordre d'Héloïse: Le chaos de l'histoire

(Digital Release - , 2014)

Quando chi scrive si imbatte in una bellissima musica di un gruppo ancora sconosciuto, è inebriante, perché, almeno a mio avviso, una delle ragioni per occuparsi di musica è presentare dei gruppi da scoprire a chi ascolta, aiutandoli anche ad iniziare a farsi conoscere. Quando visitando il sito di questo gruppo, si scopre poi che [...]

Nessun commento »

Recensione - Crimson Blue: The angelic performance

(CD - My Kingdom Music/Audioglobe, 2014)

1. La celestiale (beh, la definisco sempre divina, cambiamo, no?) Turunen se li porta con sé in tour 2. Provengono dalla Russia, nazione di musicisti preparatissimi e valenti, e ricca d’una indiscutibile tradizione culturale 3. Incidono per My Kingdom Music, label che interpreta il più genuino spirito indipendente e già laboratorio di interessantissimi progetti. Sono [...]

Nessun commento »

Recensione - Fangtooth: …As we dive into the dark

(CD - Jolly Roger Records/Goodfellas, 2014)

Le radici del doom. …As we dive into the dark è un disco degno del catalogo della Hellound Records, se la storica label tedesca esistesse ancora. I Count Raven, i Saint Vitus di Scott Reagers, ma anche Lost Breed, Wretched… E la benedizione di Wino a suggellare un patto scellerato col Fato avverso. Le litanie [...]

2 commenti »

Recensione - Kissin’ Black: Heart over head

(CD - Motor Music Entertainment/Promofabrik, 2014)

No, I Kissin’ Black non sono la risposta svizzera ai The 69 Eyes, nemmeno a quelli più spompati. A Lucerna vogliono rompere la routine quotidiana ascoltando le ballatone dei finnici in random, fino allo sfinimento. Ecco così che i nostri quattro colgono dei riferimenti, ma poi li elaborano con piglio personale, confidando nel proprio spirito [...]

Nessun commento »

Recensione - Schonwald: Dream for the Fall

(CD - Anywave, 2014)

Il duo italiano degli Schonwald – Alessandra Gismondi e Luca Bandini – ha da poco pubblicato il suo secondo full-length, riconfermando il nostro attaccamento alla scena underground italiana, che sa regalarci musica di qualità e del genere che preferiamo. Il loro lavoro precedente, Amplified Nature, lasciava intravedere chiaramente le potenzialità dei due: nessuna meraviglia [...]

Nessun commento »

Recensione - Secret Sight: Day. Night. Life

( - Red Cat Records/Audioglobe, 2014)

Batteria secca, basso pulsante, chitarra in evidenza, bel cantata stentoreo. Perfetto, anche troppo, come l’opener “Conquest”. Ottimamente doppiata da “Earth overflows”. Sono bravi Matteo Schipsi, Cristiano Poli, Lucio Cristino ed Enrico Bartolini ad interpretare alla lettera i sacri crismi della new-wave, con il rispetto che si deve ai maestri degli anni ottanta che non viene [...]

Nessun commento »

Recensione - Cadaveria: Silence

(CD - Scarlet Records, 2014)

Quinto capitolo della saga gothic-horror (definirlo tale è quanto di più appropriato, sopra tutto una volta terminato l’ascolto di Silence) per uno dei progetti più validi, ed in grado di competere ad armi pari coi più quotati esponenti stranieri del settore, che possiamo vantare in Italia. Silence è un disco oscuro, melanconico, sottilmente spaventevole. E’ [...]

Nessun commento »

Recensione - Dystopian Society: Violations

(EP - Mass Media Records, 2014)

Benchè  circolino proprio dalle nostre parti, non era ancora capitato, su Ver Sacrum, di parlare di Dystopian Society, il progetto fiorentino di Max Skam e Sara Hexe che, in attività fin dal 2010, dopo aver fatto uscire nel 2012 l’album Cages, generalmente assai ben accolto, ha rilasciato quest’anno un ulteriore EP intitolato Violations. Come da [...]

Nessun commento »

Recensione - Parade Ground: Strange World

(CD - Infacted recordings/Audioglobe, 2014)

Un’antologia che ripercorre i primi anni di carriera di questo gruppo composto dai fratelli Pierre e Jean-Marc Pauly, fondato nel 1983 e che quindi può essere annoverato tra i pionieri della scena belga.
I primi pezzi, “Moan on the sly”, “Retired”,”Moral Support”, “Took advantage” e ”Gold Rush”, hanno le tipiche sonorità dell’epoca: synth freddi, melodie [...]

Nessun commento »

Recensione - Ataraxia: Wind At Mount Elo

(CD - Ark Records, 2014)

Per me – e sicuramente per molti dei lettori – è sempre un enorme piacere accogliere un nuovo lavoro della band ormai attiva da oltre vent’anni. Alfieri del gothic più colto e più contaminato – splendide le loro incursioni nel genere cabarettistico con un paio di lavori tra i più recenti – eccoli ora riavvicinarsi [...]

Nessun commento »
Powered by WordPress