Polychron+: She's Always Been There

Eclettici, estrosi e, allo stesso tempo, forti di una solida esperienza alle spalle legata soprattutto a collaborazioni di eccellenza,...

Rapoon: :Cinema Telephonique:

DAF (Deutsch Amerikanische Freundschaft): Nur Noch Einer

Il 2021 aveva riservato anche una chicca per i nostalgici veri, quelli che – per intenderci – non molto...

Christabel Dreams: Our kind of place

Ci affanniamo alla ricerca dell’ultima definitiva compilazione intestata al gruppo che segnò la nostra spensierata (?) giovinezza, ovvero prenotiamo...

Steve Roach: Zones, Drone & Atmospheres

La sterminata produzione musicale di Steve Roach prosegue nel nuovo anno con una nuova opera assolutamente coerente al percorso...
Recensioni

Pink Turns Blue: Tainted

Affronta con serietà e competenza tematiche ecologiche il nuovo lavoro dei tedeschi Pink Turns Blue intitolato Tainted. A distanza di circa cinque anni dal precedente The AERDT – Untold Stories del 2016, il progetto di Mic Jogwer procede senza fretta…

Vai all’articolo
Recensioni

Deison: Magnetic Debris

Deison è uno storico sperimentatore musicale italiano (nato a Udine nel 1971) da più di 25 anni. Ha un approccio particolare alla materia sonora che lo ha portato a sperimentare dei bizzarri collages registrati su cassetta. Ha alle spalle collaborazioni…

Vai all’articolo
Recensioni

SILICON RELIC: E.B.A.N.I. Drones

“Il fenomeno UFO mostra una costante tendenza ad adattarsi all’immaginario tecnologico del periodo storico in cui si manifesta. Dalle prime forme meccaniche del secolo scorso, si è progressivamente giunti alle attuali manifestazioni energetiche ed immateriali, di cui l’E.B.A.N.I. può essere…

Vai all’articolo
Recensioni

Drop On Glass: Light as a feather

Si colloca sul versante più emozionale della new wave il progetto solista di Lorenzo Carlini (Invernoir e session-musician per Shores of Null). Opportunamente nominato Drop on Glass, appellativo che si accompagna al titolo dell’opera prima “in lungo”, il presente Light as a…

Vai all’articolo
Recensioni

Rapoon: Seeds In Tide Vol. 6

A 4 anni di distanza da Seeds In The Tide vol. 5 la Zoharum rende disponibile il sesto volume di queste antologie che raccolgono materiale eterogeneo del mitico progetto Rapoon di Robin Storey. Se non fosse per queste raccolte si…

Vai all’articolo
Recensioni

Alessandro Ragazzo: Corpore Absens

“Il corpo dell’assente è costituito dalla parola corpo-assente. Cosa rimane della struttura (come evento) uomo nella temporalità di uno spazio? Questo esercizio sonoro si domanda che cosa lascia il soggetto manifestandosi in un luogo o spazio, dopo il suo passaggio?”…

Vai all’articolo
Recensioni

Dry Cleaning: New Long Leg

Non sia mai detto che, anche se l’anno è finito, si ometta di parlare di quello che, stando alla critica specializzata, è il fenomeno postpunk del 2021. Il fatto è che, prima di pronunciarci, sono stati necessari molti ascolti e…

Vai all’articolo
Recensioni

Hybryds: Cortex Stimulation – Virtual Impact

Continua l’opera, da parte della Zoharum, della ripubblicazione dell’intero catalogo degli Hybryds: il gruppo di belga è stato fondamentale per essere stato fra i precursori del ritual-ambient. Personalmente apprezzo maggiormente i loro lavori che si avvicinano a una dimensione spirituale…

Vai all’articolo
Recensioni

The Witching Tale: The Witching Tale

E’ arrivato praticamente alla fine del 2021 un disco che ha tutte le carte in regola per risultare intrigante e fuori dell’ordinario: il nome del progetto è The Witching Tale, ne fanno parte Katherine Blake (Mediaeval Baebes, Miranda Sex Garden)…

Vai all’articolo
News

La Playlist 2021 della Redazione

Beh, che dire di questo 2021 senza cadere nel retorico, nel banale o peggio nel patetico? Preferiamo concentrarci sulla playlist di Ver Sacrum, giunta oramai alla sua ventesima (!) edizione, e che come ogni anno appassiona la redazione nel cercare…

Vai all’articolo
Recensioni

Final Coil: Somnambulant II

Meritata l’assunzione al primo livello dell’alternative rock per i Final Coil di Phil Stiles, compositore competente e dotato di rara capacità di sintesi, necessaria quanto mai in ambito musicale. Somnambulant II rielabora brani già pubblicati, applicandovi quanto appreso in anni…

Vai all’articolo
Recensioni

Crimson Brûlée: Tragica EP

I Crimson Brûlée dichiarano influenze apparentemente disomogenee (Bowie, Depeche Mode e pure Fleetwood Mac, quelli di “Rumors”, intendo io), che traducono in un approccio ad una forma libera da costrizioni che rende Tragica opera assai interessante. Ascendenze comunque celate tra le…

Vai all’articolo
Recensioni

Pilgrimage: Sigil of the pilgrim sun

Trio proveniente per due terzi da Malta (sede del “Doom over Malta”, uno dei più longevi festival a tema) e per il restante dai Paesi Bassi, con l’aggiunta di un vocalist ospite (preciso, due considerando che su una singola canzone…

Vai all’articolo
Recensioni

The Black Veils: Carnage

No, non me la sento, non mi va proprio di digitare quelle due paroline partite da un trattino per le quali Simon Reynolds potrebbe (ci ha già) intrattenerci per chissà quanto tempo ancora (o forse no, gli è già venuto…

Vai all’articolo
Recensioni

Zenial: Lancelot’s Delusion

Lukasz Szalankiewicz fa uscire Lancelot’s Delusion, un nuovo album a nome Zenial, il suo progetto di musica elettronica e ambient. Il pezzo forte dell’album è la lunga title-track (di oltre 20 minuti). L’autore descrive il pezzo come una sorta di…

Vai all’articolo
Recensioni

Cold Connection: Seconds of Solitude

L’ultima frontiera del synthpop si attesta in Svezia, con Seconds of Solitude, il debut album dell’act Cold Connection da Helsingborg. Ma se l’inizio dell’attività del gruppo risale addirittura al 2011, varie vicende hanno fatto si che l’attesa della sua prima…

Vai all’articolo

Dal nostro archivio...

Covenant

Un pubblico numeroso ed entusiasta accoglie i Covenant nella loro prima data italiana in assoluto. Il trio svedese si presenta su un palco molto spoglio, con solo due piccole...

Æthenor: Faking Gold & Murder

Non hanno perso tempo Stephen O’Malley, Vincent De Roguin (Shora), e Daniel O’Sullivan (Guapo), dato che l’ultimo album a nome Æthenor era uscito più o meno sei mesi fa....