Suffer Yourself: Rip tide

Sempre Aesthetic Death, marchio di garanzia che certifica il doom più sepolcrale ed oltranzista. Sponda death nel caso dei...

Funeral Chasm: Omniversal existence

Duo danese di recentissima origine, Funeral Chasm mostra un approccio aperto al doom più funereo ed oltranzista, attitudine ben...

Current 93: Dogs Blood Rising

Considero ancora oggi Dogs Blood Rising il capolavoro dei Current 93, superiore al pur grandioso Nature Unveiled. La successiva...

Synta [XE] rror: [ . ] DOT

L’Intelligence Dance Music o IDM è un genere di musica elettronica nato nei primi anni ’90. Fu l’album del...

Tom Reamy: San Diego Lightfoot Sue

Ci sono autori che, per svariate ragioni, non hanno raggiunto la notorietà meritata. Uno di questi casi è quello...
Recensioni

Amorphis: Live at Helsinki Ice Hall

  Il tempio dell’hockey finnico, la Helsinki jäähalli. La loro città. Live at Helsinki Ice Hall è la celebrazione di una delle (tante) glorie del metal finlandese. Una location che ha visto esibirsi una tale quantità di complessi che elencarli…

Vai all’articolo
Recensioni

Clustersun: Avalanche

Mentre l’Italia degli appassionati di musica (chi????) s’arrovella se schierarsi a pro ovvero contro quel gruppo di giuovinotti che s’abbigliano in maniera bizzarra e che calcano con successo palchi di un certo nome (tutto è relativo, sia chiaro, che si…

Vai all’articolo
Recensioni

Beckahesten: Tydor

Sono al secondo album i Beckahesten, interessante progetto svedese che ci propone una nuova, emozionante versione – ampiamente oscura e angosciosa – del folk nordico, intriso di influenze ambient. Peo Bengtsson, Per Åhlund e Viktoria Rolandsdotter hanno scelto come monicker…

Vai all’articolo
Recensioni

La Furnasetta: Diary Of A Madamina

Davvero misterioso ed enigmatico questo progetto multimediale La Furnasetta. In passato avevo parlato su Ver Sacrum della loro cassetta split con Enkil pubblicata da Luce Sia. La Furnasetta ha scelto, per il nuovo album Diary Of A Madamina, l’etichetta francese…

Vai all’articolo
Recensioni

Candlemass: Green valley

  Anche per i Candlemass è tempo di pubblicare il live “da lockdown”, rendendo disponibile un’esibizione tenutasi nel luglio dello scorso anno.  Istituzione del doom europeo, gli svedesi furono (e lo sono tutt’ora) fautori di un suono distinguibile intriso d’una epica…

Vai all’articolo
Arti

Jean Ray: La città della paura indicibile

Jean Ray è stato definito da Malcolm Skey (celebre scrittore inglese, critico letterario ed esperto del romanzo gotico morto in circostanze misteriose a Torino nel 1998) il Lovecraft europeo anche se si tratta di un paragone che, pur essendo affascinante,…

Vai all’articolo
Recensioni

Kháos on Gaïa: The Cage

Vengono dalla Corsica Torhia e Jbaâl ovvero i Kháos on Gaïa, duo in attività da un paio di anni che ha di recente pubblicato il debut album The Cage. I solari paesaggi delle origini, però, incidono solo marginalmente sul loro…

Vai all’articolo
Recensioni

Jarl: Hyperacusis

Nuovo album per Jarl, il progetto “isolazionista” dark—ambient dello svedese Erik Jarl di cui ho già avuto modo di parlare su Ver Sacrum. In realtà Erik Jarl è anche membro di gruppi elettronici e industrial come IRM e Kaiten. Ora…

Vai all’articolo
Musica

Ain Soph: Ars Regia

“Il termine Ain Soph definisce un insieme di individui uniti da una stessa Volontà: la Volontà di non riconoscersi più in una collettività artificiale che tutto livella e uniforma; la Volontà di riappropriarsi SUBITO della propria INDIVIDUALITÀ, della propria PERSONALITÀ…

Vai all’articolo
Recensioni

cEvin Key: Resonance

Più che altro noto per essere stato uno dei fondatori dei mitici Skinny Puppy, cEvin Key (ovvero Kevin William Crompton) ha portato avanti molti progetti nel corso degli anni e l’album solista uscito quest’anno per Artoffact Records, Resonance, non è…

Vai all’articolo
Recensioni

Steve Roach: As It Is 

Ci sono artisti che, pur avendo avuto un’importanza enorme e un’influenza di portata epocale facendo decine di proseliti e imitatori, si sono un po’adagiati ripetendo costantemente, nel corso del tempo, una formula consolidata che però rischia di diventare di maniera….

Vai all’articolo
Recensioni

Obsolete Theory: Dawnfall

La cangiante, coinvolgente “Night of Omen”, prova di resistenza posta in apertura di Dawnfall, palesa tosto le intenzioni degli Obsolete Theory. Essi si muovono con scioltezza lungo i tredici minuti scarsi di durata del brano, arricchendolo di contenuti ed intuizioni…

Vai all’articolo
Recensioni

Lord Vampyr: The Vampire’s legacy

E’ evidente che il vissuto artistico del band-leader, al quale fa riferimento diretto il progetto, assume un peso rilevante ai fini di una coerente valutazione di The Vampire’s legacy. Limitarsi alle sole radici black-metal, pur ben salde, emarginerebbe i contenuti…

Vai all’articolo
Recensioni

Goad: La Belle Dame

I Goad sono un gruppo di culto che, nel corso del tempo, hanno saputo costruirsi un seguito di nicchia ma fedele. Dietro ai Goad troviamo la storica figura di Maurilio Rossi, grande appassionato di narrativa gotica e di poesia oscura,…

Vai all’articolo
Recensioni

Coil: Time Machines

Pubblicato nel 1998 per la Eskaton Time Machines dei Coil apparve da subito come un capitolo bizzarro della loro discografia. La nuova ristampa in vinile (in vari colori) e cd da parte della Dais Records (a distanza di 3 anni…

Vai all’articolo
Recensioni

Veil of Light: Landslide

Landslide è il quinto album degli svizzeri Veil of Light, una band che qui su Ver Sacrum seguiamo da tempo. Saldamente collocati, per quanto riguarda la scelta stilistica, nell’ampia area del postpunk, i nostri vanno oscillando fra un’anima dark/synthwave sempre…

Vai all’articolo

Dal nostro archivio...

Petrolio: L+Esistenze

L+Esistenze è il nuovo album del progetto Petrolio dietro al quale si cela Enrico Cerrato, musicista dalla variegata esperienza musicale che va dal metal all’industrial, passando per il jazz,...

Cold Cave: Cherish the light years

Ha spiazzato molti questo Cherish the light years, nuovo album degli americani Cold Cave. Il precedente Love Comes Close (2009) era infatti imperniato su sonorità prettamente “minimal elettro”, mentre...