• Aquavoice: Silence

    Riecco il progetto Aquavoice della Zoharum con cui il polacco Tadeusz Lukzejko si è sicuramente ritagliato un suo spazio, negli ultimi anni, all’interno della scena ambient europea e internazionale. Nella precedente recensione avevo parlato di Early Recordings, un doppio cd in cui traspariva l’amore di Aquavoice per il suono tedesco degli anni ’70 e, in particolare, si potevano cogliere riferimenti ...
  • Svart1: Frozen Chants

    Dietro al progetto Svart1 si nasconde l’enigmatica figura di Raimondo Gaviano. LUCE SIA ha pubblicato a settembre il suo nuovo lavoro intitolato Frozen Chants in formato cassetta. La musica si colloca nel calderone ambient: devo dire che, qui in Italia, a dispetto di quel che si può pensare, esiste una scena, seppur inevitabilmente di nicchia, viva e vivace con un suo ...
  • Dead Can Dance: Dionysus

    Dionysus, l’ultimo lavoro dei Dead Can Dance, richiede numerosi ascolti prima di potersene fare un’idea, tanto si distacca dall’oscura anima ‘wave’ che rappresenta il nucleo dei loro dischi più popolari. L’ispirazione di questo album appare, infatti, più che altro vicina alla world music, deviando talvolta verso inediti suoni new age e alimentandosi di strumenti originali – tamburo a cornice, gadulka, ...

Recensioni e News

Carica altri articoli