Goad: La Belle Dame

I Goad sono un gruppo di culto che, nel corso del tempo, hanno saputo costruirsi un seguito di nicchia...

Coil: Time Machines

Pubblicato nel 1998 per la Eskaton Time Machines dei Coil apparve da subito come un capitolo bizzarro della loro...

Veil of Light: Landslide

Landslide è il quinto album degli svizzeri Veil of Light, una band che qui su Ver Sacrum seguiamo da...

Luigi Porto: Tell Uric

Luigi Porto è un musicista cosentino trapiantato a New York che ha fatto dell’eclettismo e della contaminazione fra generi...

Stargazer’s Assistant: Mirrors & Tides, Shivers & Voids

Questo disco del progetto Stargazer’s Assistant farà la gioia di tutti gli amanti dell’elettronica senza compromessi. Per intenderci chi...
Recensioni

Art Noir: Poems Of An Extinct Species

Art Noir è un progetto del compositore tedesco Jan Weber, cui collabora anche Nadine Stelzer, che pubblica quest’anno il terzo full length, Poems Of An Extinct Species. A quanto si è letto in web, l’autore aveva cominciato a lavorare all’album…

Vai all’articolo
Recensioni

Belle Morte: Crime of passion

    Complesso proveniente da Minsk, Bielorussia, Belle Morte dimostra con il debut-album Crime of passion di poter ambire legittimamente all’ingresso nel novero ristretto di futura promessa del symphonic/gothic metal. Definizione che può suscitare più d’una perplessità, essendo il filone…

Vai all’articolo
Recensioni

Ishmael Cormack: Ammil

Ishmael Cormack è un musicista inglese sperimentale che giunge ora al suo disco di esordio sotto l’egida della sempre attenta KrysaliSound, un’etichetta italiana di riferimento per chi ama certi sonorità di avanguardia e di musica ambientale. La sua musica riflette…

Vai all’articolo
Recensioni

Rita Tekeyan: Green Line

Avevo già avuto modo di conoscere Rita Tekeyan in quanto aveva collaborato al disco dei No Strange, storico gruppo psichedelico italiano, nell’album Mutter Der Erde. Ora questa cantante e compositrice nata in Libano pubblica (dopo il precedente Manifesto Anti-War del…

Vai all’articolo
Recensioni

Deine Lakaien: Dual

Fra delusioni e momenti difficili, il 2021 ci riserva anche qualche piccola gioia. L’arrivo di Dual, doppio album di uno dei gruppi tedeschi più di nicchia della nostra scena ma, al contempo, più capace di suscitare la passione, è sicuramente…

Vai all’articolo
Arti

“I demoni di Wakenhyrst” di Michelle Paver

Ci troviamo in Inghilterra, più precisamente in un piccolo borgo nel Suffolk, Wakenhyrst, dove sorge, quasi fuori dal tempo, Wake’s end, una grande dimora antica circondata dall’oscura e selvaggia palude di Guthalf. Nel 1913 Edmund Stearne, proprietario della tenuta e…

Vai all’articolo
Recensioni

Andrea Laudante: Banat banat ban jai

Andrea Laudante è un giovane pianista e compositore italiano di musica ambient e elettronica interessato alle filosofie orientali. In realtà questo interesse, in ambito di questo genere di musica, non è affatto sorprendente. I grandi Popol Vuh in questo senso…

Vai all’articolo
Musica

Death In June: The World That Summer

Il doppio album The World That Summer dei Death In June, conosciuto anche come “il disco delle rose” in quanto sulla copertina sono raffigurate delle rose stilizzate, è un lavoro oscuro e pieno di riferimenti letterari ed esoterici. Sulla copertina…

Vai all’articolo
Recensioni

Mourning Dawn: Dead end euphoria

Quattro anni da “The dead years” (revisione ampliata del loro omonimo esordio datato 2007) e ben sette da “Les sacrifiés”, il tempo è trascorso non senza riservare preoccupazioni ai parigini MD, i quali danno ora alle stampe Dead end euphoria….

Vai all’articolo
Recensioni

Angst78: 78 Angst

78 Angst è una compilation di musica elettronica, ambientale e techno. Le tracce sono state composte da Patryk Gęgniewicz (Revisq) e da Łukasz Szałankiewicz (Zenial) sotto il monicker Angst78. Il nome di questo estemporaneo progetto proviene dal film Angst di Gerald…

Vai all’articolo
Recensioni

They Die: Deviant Love

Una specie di supergruppo dell’underground del nordest, con membri dei Templebeat e dei First Black Pope, i They Die esordiscono con un album che propone una rilettura moderna del classico suono gothic rock. Troverete quindi arpeggi circolari di chitarra, linee…

Vai all’articolo
Recensioni

Nomotion: Abide

Che i Nomotion avessero lasciato intravedere, nelle opere precedenti alla presente, i semi di una maturità compositiva ormai prossima al conseguimento, era sensazione che l’apripista “Something out there” confermò senza lasciar ombre di dubbio dietro il suo passaggio.  Abide consta…

Vai all’articolo
Recensioni

MS Miroslaw: The Aaage Of Warm Asylum

Ritorna il misterioso ed oscuro progetto MS Miroslaw proveniente dalla Sardegna. Per capire e penetrare l’universo di questa costola del collettivo Trasponsonic (un’altra sigla è quella di Hermetic Brotherhood Of Lux-Or) può essere di aiuto la presentazione della poetessa e…

Vai all’articolo
Musica

Der Blutharsch: When Did Wonderland End?

When Did Wonderland End? del 2005 è il disco della svolta dei Der Blutharsch. Fino ad allora la macchina di Albin Julius, un vero e proprio panzer schiacciasassi martial-industrial, si era caratterizzata per un sound dirompente a base di campionamenti…

Vai all’articolo
Recensioni

Absolute Body Control: A New Dawn

Un ritorno molto atteso quello del duo Absolute Body Control – Dirk Ivens e Eric van Wonterghem – che, a distanza di oltre dieci anni dall’ultima release Shattered Illusion, ha pubblicato quest’anno un Ep con nuovo materiale, A New Dawn….

Vai all’articolo
Recensioni

The Black: Ars Metal Mentis

I The Black sono considerati una piccola leggenda fra gli appassionati di heavy metal italiano. Si tratta in effetti di un progetto particolare: il leader Mario Di Donato è un vero e proprio artista essendo un pittore di una certa…

Vai all’articolo
Recensioni

My Mannequin: Jewels of misery

A tutti gli effetti possiamo considerare Jewels of misery il debutto vero e proprio dei My Mannequin, essendo trascorso un lustro dalla pubblicazione dell’allora acerbo ma già interessante mini “As daylight deceives”. Il presente mostra i segni di una evoluzione…

Vai all’articolo
Recensioni

In Tormentata Quiete: Krononota

Si rinnova la fortunata partnership tra il complesso bolognese e la My Kingdom Music, una comunione d’intenti e d’idee che non si può limitare all’esclusivo ambito musicale. Krononota segna la quarta stazione d’una discografia che ha consolidato uno stile proprio, teatrale…

Vai all’articolo
Recensioni

Empyrium: Über den Sternen

Gli Empyrium, eclettico gruppo bavarese formatosi negli anni ’90, di cui non abbiamo avuto, fino ad oggi, occasione di parlare, hanno di recente pubblicato il sesto lavoro Über den Sternen e, dopo averlo ascoltato, è stato inevitabile scegliere di segnalarlo….

Vai all’articolo

Dal nostro archivio...

Ulrika Spacek: The Album Paranoia

Lo shoegaze non smette di dimostrarsi un filone inesauribile e foriero di nuove proposte: la lezione di gruppi come i My Bloody Valentine, i Jesus And Mary Chain e gli...

The Young Gods

E’ indubbio che gli Young Gods siano uno dei gruppi seminali della musica alternativa oscura: il loro uso dei campionatori per riprodurre gli strumenti elettrici, mescolato ad un’attitudine potente,...