Dreadful Shadows & Gitane Demone

0
Condividi:

Dreadful Shadows

Dreadful Shadows (foto di Christian Dex)

Periodo di vacche grasse, musicalmente parlando, a Milano. Due settimane dopo il concerto dei Lacrimosa è la volta dei Dreadful Shadows, accompagnati dalla mitica Gitane Demone. Purtroppo la folla presente è piuttosto scarsa (attorno al centinaio di presenze); il quintetto berlinese non è forse molto noto alla gran massa dell’audience “gotica”, mentre gli amanti dell’elettronica hanno disertato in massa o quasi; e hanno fatto male, a mio avviso. Chi scrive non è certo un amante del gothic-rock (a parte poche eccezioni) ma sono comunque andato al concerto per curiosità e perché tali eventi in Italia sono merce talmente rara che è meglio non perdere quei pochi che ci sono.

Ebbene, sono convinto di avere fatto la scelta giusta perché ho potuto scoprire una band veramente valida, entusiasmante nella dimensione “live”, capace di offrire un concerto ricco d’energia e di pezzi trascinanti. Ho apprezzato in particolare quelli tratti dall’ultimo album The Cycle, caratterizzati in massima parte dall’accompagnamento vocale di Gitane Demone.

Ma andiamo per ordine. Aprono la serata i Select, gruppo italiano su cui non ho nulla da dire, li ricordo solo per la discreta esecuzione di “New Dawn Fades” dei Joy Division.

E’ poi la volta di Gitane Demone che si esibisce con il solo accompagnamento di un tastierista e basi. Interpretazione da brividi: solo la presenza di Gitane sul palco è emozionante, la sua splendida voce poi fa il resto. Esibizione impeccabile, da artista consumata, nonostante un repertorio un po’ piatto, chiuso dalla mitica “Gloomy Sunday”.

Tocca agli headliner della serata: i Dreadful Shadows partono lancia in testa con il loro rock energico che manda in visibilio i fans più affezionati. “Futility” e “Burning the Shrouds” accendono la miccia dell’entusiasmo seguite da altri brani tratti in massima parte da The Cycle, per un’ora e mezza di musica chiusa nei bis dall’ottima cover di “Twist in my sobriety” di Tanita Tikaram. Decisamente una bella serata e, almeno per me, una sorpresa positiva. Dopo tempo immemore mi sono gustato una band di classico gothic-rock; se la voce del cantante abbandonasse definitivamente lo “stile Eldricht” sarebbero quasi perfetti.

I Dreadful Shadows su Internet:

Sito Ufficiale

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.