Clan Of Xymox: Remixes from the Underground

0
Condividi:

Lo scambio vicendevole di remix tra artisti e’ una prassi ormai ben consolidata nel panorama musicale “elettro-dark” ; esperienze interessanti che vedono interagire artisti dagli stili molto diversi tra di loro con risultati spesso apprezzabili (mi permetto di ricordare l’ottimo remix realizzato dagli In the Nursery per “Disappoint” di Assemblage 23 e quello realizzato da L’Ame Immortelle per il brano “Shattered in aspect” di Faith & the Muse ) Nel nostro caso vediamo una serie di artisti, per la maggior parte di estrazione elettronica, cimentarsi con i brani che componevano la tracklist dell’ultimo album dei Clan of Xymox “Notes from the underground”. Il risultato e’ , a mio avviso, mediamente buono anche se non c’e’ quel remix che mi faccia gridare al capolavoro (come i due citati qualche riga fa, tanto per capirci). Al momento direi che i brani che piu’ apprezzo sono “Innocent” (Defiled mix by Assemblage 23) , “Something wrong” (Avatar mix by Angels & Agony) e “Liberty” (Boudoir mix by Damon Fries….. …. chi e’costui ???) ; i primi due si confermano tra i piu’ auterovoli esponenti della scena EBM e non ci deludono neanche in questa occasione, offrendoci due brillanti remix ballabili e coinvolgenti. Il panorama dei remix curati da gruppi elettro vede scendere in campo (oltre agli artisti gia’ citati) : Front 242, In Strict Confidence, Aiboforcen, Beborn Beton e Cut Rate Box. Le atmosfere si fanno piu’ ovattate quando scendono in campo artisti d’area “dark-wave” : qui brillano i remix di “The same dream” by Perfidious Words, “Into her web” by Sophya (la band israeliana da non confondere con la quasi omonima svedese side project degli Arcana !!!) e l’ottima “Anguish” by Iris. A detta di alcuni, tali operazioni hanno il solo scopo di far soldi (ma va ??? vorrei scoprire se c’e’ un artista che incide un disco sperando di vendere poco….) e scarso valore in senso prettamente artistico. Personalmente non sono affatto concorde con tale opinione, anzi, credo che questi “esperimenti” risultino spesso interessanti e l’incontro tra artisti provenienti da aree diverse possa produrre buoni risultati (talvolta ottimi)….. invito certi “goticoni” a togliersi i paraocchi…….. Un doppio cd (alcuni brani sono presenti in doppia versione) con le carte in regola per soddisfare sia i fans piu’ “ortodossi” degli Xymox, sia chi apprezza maggiormente sonorita’ elettroniche

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.