Lost In Tears: Dialogue With Mirror And God

0
Condividi:

Ancora gothic-metal! Aiuto, è un’invasione! Gli svedesi Lost In Tears comunque per un aspetto si distinguono dalla miriade di bands che affollano il settore: vantano in formazione ben tre (!) chitarre, grazie alle quali possono innalzare un wall of sound davvero impressionante (immagino dal vivo…)! “Dialogue with mirror and God” è comunque un disco apprezzabile. L’intro (di rito) è seguita da undici tracce assai “classiche”, debitrici dal punto di vista dell’ispirazione del modello forgiato dai Paradise Lost di mezza carriera, comunque dal buon impatto (ci mancherebbe!). L’interpretazione del cantante (e principale compositore) L-H. Sjoblom è decisamente nella media, lo strumentismo efficace, tanto che più d’una traccia si pone su livelli di piena sufficienza: cito la cadenzata “Without you”, “X76”, la mia preferita “The bleeding” (chitarre sisteriane-metallizzate) e “Vanity” (decisamente Paradise Lost, questa!). Fossero tutti come questo “Dialogue…” i dischi etichettati gothic-metal!

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.