Synapscape: Raw

0
Condividi:

Ver Sacrum Per chi non lo sapesse dirò che il debut album dei Synapscape, risalente al lontano 1995, è stato anche la primissima release della celebre label tedesca Ant Zen. Da allora sono passati sette anni e la band ha ormai all’attivo diversi cd (oltre a numerose uscite particolari su vinile), ai quali adesso andrà ad aggiungersi questo nuovo lavoro, tra l’altro molto interessante. Al suo interno sono contenuti brani composti tra il 1994 e il 2001, la maggior parte dei quali mai pubblicati in precedenza. In realtà i pezzi già usciti in passato erano apparsi su alcune compilation di difficile reperibilità e quindi, probabilmente, non moltissime persone hanno avuto modo di ascoltarli. Raw in effetti rispecchia benissimo il significato del titolo che porta: è crudo e grezzo, e in un certo senso freddo e distaccato, così come è giusto che sia per produzioni di questo tipo. Ai cultori del power noise vorrei segnalare brani come il delirante “Narcotica”, davvero spietato, o l’altrettanto valido “So real”, anche se è giusto sottolineare che l’universo Synapscape non è fatto solo di pezzi di questo genere ma anche di altri più marcatamente sperimentali e quindi meno violenti, come ad esempio “E.s.p.” e “Outside”, che insieme ad altri si contraddistinguono come episodi di “calma apparente” da contrapporre a quelli, ben diversi, rappresentati dai pezzi citati precedentemente. Un album dalle molteplici sfaccettature questo Raw, che sicuramente non potrà deludere gli appassionati delle sonorità estreme.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.