Ludmila (featuring DoktorT): Anamin

0
Condividi:

I Ludmila sono senz’altro una realtà interessante del panorama oscuro italiano. Intanto meritano un plauso per il loro eclettismo visto che spaziano con estrema disinvoltura fra vari generi musicali: dalla darkwave con forti reminescenze 80s dell’omonimo MCD d’esordio ai toni più marcatamente post-rock del lavoro qui in esame. A quanto pare il futuro ci riserverà delle sorprese ancora maggiori visto che il gruppo di Magenta sta per cimentarsi nella realizzazione di un CD di musica medievale. Ma torniamo ad Anamin, che i Ludmila hanno realizzato in collaborazione con Alex Tiberi, alias DoktorT: si diceva che le ispirazioni vanno cercate più nel territorio della sperimentazione in chiave rock che in quello propriamente “oscuro”. Oltre al già citato post-rock un’influenza presente nei tre brani di questo MCD è senz’altro il noise: su basi ossessive e ripetitive, dall’andamento abbastanza lento e ipnotico, si aprono squarci di suoni distorti e lancinanti. La bella voce di Paola è qui usata con molta parsimonia e come se fosse uno strumento, con i suoi vocalizzi che intessono ricami sulla ruvida trama sonora dei brani. Il MCD è chiuso dal pezzo “Aguirre”, sette minuti di rumori, loop ed effetti in puro stile dark-ambient. Un lavoro interessante ma forse un po’ acerbo.

Per informazioni: Luca Valisi, via Cavallari 29, 20013 Magenta (MI)
Email: [email protected]
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.