Him: Love metal

0
Condividi:

Ver Sacrum Tra le numerose uscite di questa primavera c’è anche il nuovo album degli Him, band che può contare (già da parecchio tempo) su un seguito di fans fedelissimi (o forse dovrei dire fedelissime?), ma che ha anche molti detrattori che la accusano di essere troppo commerciale e di proporre un gothic metal scontato e insopportabilmente sdolcinato. Proprio pochi giorni fa il gruppo finlandese si è trovato addirittura headliner al Day At The Border festival (a causa della mancata esibizione di Marilyn Manson) e, a quanto ho saputo, il pubblico metal presente alla manifestazione ha apprezzato parecchio la loro esibizione. Non avendoli visti personalmente non posso esprimermi sull’avvenimento in questione, ma di sicuro posso dare un giudizio su questo lavoro, che ci presenta il gruppo in buona forma ma che non aggiunge niente di nuovo a quanto già si sapeva sulla musica di Ville Valo e compagni. Canzoni semplici, di facile presa, che nell’insieme non fanno gridare al miracolo ma che, in alcune occasioni, possono anche avere un fascino particolare. È questo il caso di brani come “Beyond redemption” o “The sacrament”, ma anche di “This fortress of tears”, che sconcerta non poco per l’accostamento di parti melodiche e sognanti con intermezzi di ispirazione sabbathiana, grazie ai quali un pezzo del genere (cioè un pezzo che inizialmente potrebbe sembrare addirittura noioso!) risulta alla fine piuttosto gradevole. Per il resto direi che Love metal conferma pienamente l’impressione che gli Him siano una band molto molto furba, che ha trovato qualche anno fa la gallina dalle uova d’oro e continua a sfruttarla finché possibile. Non si può negare che la loro musica sia ben fatta e tutto sommato anche piacevole da ascoltare, ma ogni tanto qualche piccola novità o cambiamento non guasterebbe… Un disco perfetto per chi li ha sempre apprezzati, ma che certamente non riuscirà a far cambiare idea a tutti gli altri!

TagsHim
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.