Killing Ophelia: Last vision

0
Condividi:

Ver Sacrum La sorpresa piu’ bella di questa torrida estate è questo cd dei Killing Ophelia, duo formato da Karen King e Lee Lauer (membro degli Aslan Faction). Elettronica oscura con voce femminile, 12 tracce di ottimo livello dalle atmosfere notturne e piuttosto inquietanti (e qui gioca un ruolo fondamentale l’interpretazione vocale di Karen), un disco maggiormente indicato all’ascolto “casalingo”, ma con alcuni brani che non sfigurerebbero anche nei clubs. L’uso della voce femminile, sempre piu’ diffuso tra le band elettroniche, può far accostare i Killing Ophelia a diversi gruppi; ad esempio, nel brano “Choke” mi hanno ricordato gli Hungry Lucy, ma piu’ in generale direi che “Last Vision” si avvicina molto a quel gioiellino (ahimè poco conosciuto) che è “Great industrial love affairs” degli HMB , ovvero Daniel Myer (Haujobb) e Victoria Lloyd (Claire Voyant), uno dei migliori dischi elettro del 2001. Chi ha amato come me quel disco, si avvicini senza indugio a “Last Vision” , gli altri si fidino….Un ottimo lavoro che non deve passare sotto silenzio.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.