Atrox: Orgasm

0
Condividi:

Ver Sacrum Se siete arcistufi del gothic metal canonico, cioè quello che da parecchi anni ci viene proposto da decine di band spesso molto valide ma purtroppo anche troppo uguali le une alle altre, beh allora gli Atrox potrebbero fare al caso vostro e convincervi a rivalutare questo genere musicale! Il gruppo norvegese esordì nel 1997 con Mesmerized, lavoro nel quale proponeva proprio il classico gothic metal sound a cui ho appena accennato, ma con i seguenti album ha intrapreso la difficile strada della sperimentazione e della ricerca, che giunge al culmine con questo nuovissimo cd. Orgasm è infatti costituito da una serie di brani molto belli e complessi, dove le sonorità goticheggianti si affiancano ad altre più marcatamente progressive e talvolta persino bizzarre, creando qualcosa di veramente unico e originale. A tutto ciò bisogna poi aggiungere un altro elemento fondamentale, e cioè la splendida voce di Monika Edvardsen, che contribuisce non poco alla riuscita dell’album. Tra l’altro la stessa Monika è anche l’autrice del dipinto che appare sulla copertina, un’opera che ricorda i lavori del grande pittore Hieronymus Bosch e che mi è piaciuta parecchio, anche perché ben si adatta ai contenuti del disco. Non ci sono dubbi sul fatto che, attualmente, gli Atrox sono una delle band più innovative della scena: di sicuro non hanno intrapreso una strada facile, infatti la loro proposta è di quelle che necessitano parecchi ascolti e una mentalità molto aperta per poter essere apprezzate pienamente, però ben vengano gruppi (e album!) come questo, altrimenti l’evoluzione dei generi dove andrebbe a finire?

TagsAtrox
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.