Laibach: WAT

0
Condividi:

Ver Sacrum Finalmente ! A diversi anni di distanza dal deludente “Jesus Christ Superstar”, ritornano i Laibach, band la cui importanza sul piano musicale e non solo, è innegabile. Il nuovo disco sancisce innanzitutto (ed è un piacere sottolinearlo) l’abbandono delle chitarre elettriche che avevano contraddistinto “Jesus Christ Superstar”, a favore di un sound marzial-elettronico che ci riporta al periodo di “Kapital” e “Nato”. Elettronica minimalista ed ossessiva, la consueta voce dura e solenne, epici cori con voci femminili, l’uso in diversi brani della lingua tedesca, testi decisamente impegnati e “schierati”, accompagnati da un’iconografia “forte” e decisamente provocatoria….. signori, i Laibach sono tornati alla grande !! Non tragga in inganno il singolo “Tanz mit Laibach”, brano che strizza l’occhio alla discoteca (a modo loro ovviamente) e che potrebbe far pensare ad un disco facile-facile e ad una virata commerciale…… niente di piu’ sbagliato; brani come “Das spiel ist aus”, “Satanic versus”, “Wat” sino all’apoteosi finale di “Anti-semitism” (questa in particolare mi riporta alla memoria i fasti di “Nova Akropola”), stanno a dimostrare che i Laibach non hanno abbassato la guardia e non sono scesi a compromessi. “WAT” è un grande disco, “duro”, cupo e spigoloso, intriso di pessimismo e di critica sociale, l’ennesimo guanto di sfida che la band slovena lancia al mondo.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.