Prong: Scorpio Rising

0
Condividi:

Ver Sacrum Dopo l’acclamato tour americano ed europeo che ne sancì la reunion, e relativa pubblicazione di 100% live, disco mixato dal celebrato producer Pat Regan (Deep Purple e Kiss, fra gli altri…) che portava in dote una traccia inedita, “Initiation” (co-firmata dal chitarrista di Halford e di Diesel Machine Pat Lachman), i pionieri del metal-industrial Prong arricchiscono la loro discografia di un ennesimo capitolo, Scorpio Rising (si, proprio come i Death In Vegas!!!). I proclami sbandierati dall’etichetta mi lasciano alquanto freddino: mi pare in fatti eccessivo definire questo dischetto “la colonna sonora definitiva del 2003”, non risultando sicuramente, nemmeno dopo ripetuti ascolti, quel masterpiece che la label pretenderebbe. Più d’una le canzoni valide: “Detached”, l’incisiva “Embrace the depht”, “Out of this realm”, “Avoid promises” (traccia numero sette, l’highlight del CD, una scheggia di devastante industrial-gothic-metal), ma nulla di trascendentale, nulla che possa davvero venir ricordato. I tempi di Rude Awakening sono lontani, il carismatico leader/singer Tommy Victor canta sempre con la giusta dose di cattiveria, i nostri strumentalmente non si discutono (Dan Laudo è un batterista micidiale, Monte Pittman usa la chitarra come un bisturi), come la loro storia artistica, eppure non riescono a convincermi. Dubbi cagionati proprio dal glorioso passato, da gesta che risulta difficile replicare?

TagsProng
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.