Ver Sacrum Psichedelico, pazzo, visionario …Bryan Erikson è tornato con l’ennesimo disco geniale e folle. Cavalcate techno, momenti trance, acido come non mai (anche se ora lui dice di aver smesso…) un disco bellissimo ed allucinante che si ama o odia, senza mezze misure, come sempre nello stile di Velvet Acid Christ. Ancora una volta questo progetto riesce a dimostrare come anche la musica elettronica nelle sue piu’ varie sfaccettature possa essere realmente “oscura” ; Bryan è maestro nel creare atmosfere da incubo metropolitano, viaggi allucinanti nelle psiche umana, sensi di angoscia che si sprigionano dalle note di ogni brano, anche di quelli piu’ marcatamente “techo-trance”. Tornato “tra le braccia” della tedesca Dependent, dopo la breve fuga che gli aveva fatto pubblicare “Twisted Thought Generator” per Metropolis, Velvet Acid Christ dimostra che il lungo periodo di silenzio non gli ha nuociuto, ma anzi , con questo disco ritorna ai livelli dello spettacolare “Fun with Razors”. “Hex Angel” risulta ottimo sin dalle prime due tracce, “Haunted” e “Collapsed” , due pezzi magistrali che dimostarno lo stato di grazia ritrovato di Bryan Erikson ; si prosegue quindi con “Pretty Toy” (primo singolo estratto dall’album), la micidiale “Misery” (“tirata” in maniera incredibile), per non parlare di “Dead Tomorrow” e così via sino al gran finale di “Crawl” ed “Exit (Diseased world)”…. un grande disco !! Velvet Acid Christ è il vero erede dei maestri Skinny Puppy.