In Strict Confidence: Babylon

0
Condividi:

Ver Sacrum Ogni pubblicazione degli In Strict Confidence rappresenta un appuntamento da non mancare per gli amanti dell’elettro-sound piu’ oscuro e ricercato; anche questa volta la band di Dennis Ostermann non ci delude ed il nuovo “Babylon” è veramente un grande pezzo nel loro tipico stile: elettro-dark oscura e ricercata, niente future-pop o EBM di grana grossa, questa è musica d’alta scuola, al di là di ogni barriera “ideologica”. Perplessità possono invece essare destate dalla decisione di pubblicare il singolo in due diversi cd per un totale di ben 10 versioni di “Babylon” (quattro sul cd1 e sei sul cd2) ; questa scelta infatti (che “vanta” già il precedente degli ultimi singoli dei VNV Nation) sa sempre di operazione “scippa soldi” verso i fans piu’ accaniti… a rendere il doppio acquisto piu’ appetibile (si fa per dire…) il fatto che accostando i due cd si vada a comporre il volto di una suora, la cui metà sinistra è sfigurata sul cd1, mentre è “radiosa” sul cd2. A differenza di quanto suggerito dai volti della modella, il sottoscritto preferisce nettamente il cd1, dove troviamo i remix piu’ belli e due brani inediti (la bella “Blue light” cantata da voce femminile e la strumentale “Deep black”) ; ottimo il remix dei L’ame Immortelle (ma allora sanno ancora fare qualcosa di buono !), che tornano a remixare in Strict Confidence dopo il precedente di “Zauberschloss” : inizia solo per voce e pianoforte per poi vivacizzarsi ; molto validi anche il “Club mix” e l’ “extended version”, mentre il conclusivo “Sleeper edit” è l’unica versione debole delle sei tracce di questo cd1. Il cd2 è invece costituito da sette tracce : sei versioni di “Babylon” oltre a “Morph the visions” (lunghissima strumentale) ; in generale i remix presenti su questo cd non mi convincono, caratterizzati per lo piu’ da atmosfere rarefatte e sperimentazioni sonore varie. In definitiva trovo che Dennis & c. avrebbero fatto molto meglio a pubblicare solo il cd1 quindi, se volete passare all’acquisto e vi fidate del sottoscritto, sapete su cosa puntare ; ad ogni modo dopo la premessa di questo singolo sono sicuro che possiamo attenderci grandi cose dal nuovo album “Holy” previsto per metà gennaio.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.