Unto Ashes: I Cover You With Blood

0
Condividi:

Ver Sacrum Dallo splendido album Empty Into White gli Unto Ashes ci regalano questo singolo, uscito in realtà diversi mesi dopo la pubblicazione del CD “padre”. La title-track è presentata in due versioni, una presa da Empty Into White più un mix che in realtà differisce dalla prima solo per una più massiccia presenza di percussioni. E’ poi presente la versione “Ochun mix” del brano “Serve me”, preso dall’album Saturn Return pubblicato dagli Into Ashes nel 2001, anche se a mio avviso questa ripresa è comunque praticamente indistinguibile dall’originale. Non mancano dei brani veramente inediti, come i due strumentali “Funeral March for Queen Mary”, brano tratto dal repertorio del musicista seicentesco Henry Purcell, e l’esecuzione per hurdy gurdy, corno e percussioni di “Exeunt Reges”, che mi ha ricordato alcune cose dei Coil. Vi è quindi l’interpretazione del gruppo americano di un brano ormai classico nell’ambiente gotico, ovvero “Palestinalied” che molte band, tra cui Qntal e In Extremo, hanno già da tempo inserito nel loro repertorio. Questa ripresa degli Unto Ashes, molto fedele allo spirito medievale, lega le sonorità di antichi strumenti a corda con le leggiadre voci di due cantanti femminili. Gli Unto Ashes, anche nella veste più immediata di questo singolo, continuano a stupire per la grazia e l’originalità della loro proposta: la loro è una musica eterea ma non dolce né immediata, più che altro misteriosa, ieratica e solenne, più vicina alle atmosfere rituali di certe band industrial che a quelle più rassicuranti dei gruppi “heavenly voices”. Un gruppo da conoscere e apprezzare in ogni sua produzione. P.S. il 16 febbraio uscirà la ristampa europea di Empty Into White in cui potrebbero figurare anche dei brani inediti.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.