Front Line Assembly: Civilization

1
Condividi:

Ver Sacrum Rieccoli assieme…. sarà un caso, ma col ritorno di Rhys Fulber al fianco di Bill Leeb, il marchio Front Line Assembly torna all’antico splendore, con un disco semplicemente magnifico. A dire il vero, già il penultimo album “Epitaph” aveva risollevato le quotazioni del combo canadese, molto in ribasso dopo i mediocri “Flavour of the weak” e “Implode”, ma questo nuovo disco è veramente manna dal cielo per i fans dei Front Line Assembly, nonchè per chi apprezza i loro side-project, Delerium e Conjure One, le cui influenze sono ben riconoscibili tra le dieci tracce di “Civilization”. Un disco complesso, dalle strutture articolate, con improvvisi cambi di ritmo, sezioni d’archi, voci femminili….un’opera che probabilmente dividerà l’audience tra entusiasti e nostalgici dei vecchi “Caustic Grip” e “Neural Tactical Implant”, ma a mio avviso “Civilization” è una summa della musica elettro-industrial, un disco influenzato (oltre che da ciò che Bill e Rhys creano coi loro side-project) da Aphex Twin, Massive Attack e… Madonna (per capire il perché di questo accostamento vi rimando all’ascolto della traccia numero 3, “Transmitter”). Ribadisco, si tratta di un disco non facile che necessita di alcuni attenti ascolti per poter essere apprezzato in pieno; da parte mia mi limito a citare due brani che apprezzo particolarmente e che penso possano rendere bene l’idea dell’intera opera: “Fragmented” e la title track “Civilization”. Non c’è che dire…. dopo In Strict Confidence ecco Front Line Assembly…. il 2004 è iniziato in maniera splendida per gli amanti della musica elettronica.

Condividi:

1 comment

  1. skywalking 18 Giugno, 2011 at 10:54

    gran disco! anch’io direi,una summa di tutta l’elettronica,escludendo gli estremismi assoluti dell’industrial più violenta, come gli estremismi pop del techno-electro-pop.come se i kraftwerk,guardando da lontano throbbing gristle e pet shop boys,avessero detto:beh,noi abbiamo posto,insieme ai corrieri cosmici dei seventies,che pure abbiamo assimilato e reinventato(cfr gli strumentali di autobahn),abbiamo posto molto,molto.vediamo adesso di mettere i puntini sulle i a tutto ciò che abbiamo seminato,e ricapitoliamo la filogenesi nell’ontogenesi:e ci diamo questo marchio: front line assembly’s civilization.

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.