Mammuth: Shine

0
Condividi:

Ver Sacrum Recensiamo solo ora questo interessante CD pubblicato lo scorso anno, ma davvero meritevole di nota. I Mammuth sono cinque ragazzi svedesi con base operativa a Jonkoping, ove il combo si è formato nel 2000. All’attivo, fino ad ora, questo “Shine”, interessante concentrato di hardcore controllato e vigoroso nu-metal, il tutto reso pesantemente oscuro da un suono sovente saturo e claustrofobico. Vantano una discreta esperienza live, maturata esibendosi sia in patria che in Germania, partecipando pure a diversi festivals. Ma soffermiamoci, come è d’uopo, sul presente dischetto. Undici brani cupi e dal taglio moderno, sufficientemente melodici da poter accattivarsi l’airplay radiofonico e le simpatie del pubblico più giovane. Merito di un cantante dotato e capace di imprimere ad ogni singolo pezzo una traccia assai personale e di strumentisti preparati e precisi. Le mie simpatie, sarà l’età!, vanno ovviamente ai pezzi più darkeggianti (l’opener “No more makeup”, “Don’t be afraid” e “Helpless” meritano la piena sufficienza), mentre non posso proprio sopportare quelli ove fa la propria comparsa il cantato rappato, anche se, lo devo ammettere, spesso il risultato finale è di grande impatto. Arrabbiatissime “Good morning christianity” e “Keep the focus”, supportate da un impianto lirico efficacissimo, mentre eleggo quale mia preferita la title-track, quasi sette minuti di fresco ed adescante nu-metal capace di reggere il confronto coi celebrati maestri del genere. Nuovo disco previsto per la prossima primavera, staremo a vedere! Ribadisco l’importanza da attribuire ai testi.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.