Johnny Forlorn: The First Loss

0
Condividi:

Ver Sacrum Darker Folk-Rock at its finest. Così proclama la Tragick Records, andando a pubblicizzare la presente operina, frutto dell’indubitabili capacità compositive di John Clough, mente ed anima del progetto Johnny Forlorn (il suo curriculum annota collaborazioni con Faith & Disease e Shadow Light). Definizione corretta, essendo “The first loss” davvero un bel disco, ricco di atmosfere chiaroscurali impreziosenti una diecina di umbratili ballate dettate dal piano e dalla profonda voce del nostro ombroso cantore, non per nulla originario della piovosa Seattle. “Only my name remains” apre il disco, andando subito a definire le anzidette coordinate, richiamando alla memoria il grande Nick Cave, che certo deve aver decisamente influenzato il buon John, oltre a Leonard Cohen, Johnny Cash e The Walkabouts, come indicato sulla citata info-sheet. Al centro di un salone barocco ammantato dalla penombra a malapena striata dall’incerto lucore di morenti ceri, egli canta la sua disperazione, con tale trasporto da rendere immediatamente partecipe l’ascoltatore. “Still like strangers”, “Going home”, “The devil’s lying inside”, “Linger”, “In a moment” e “Here comes my love” sono solo alcuni titoli di un lavoro giuocoforza compatto, per sua stessa natura. La parca strumentazione della quale si avvalgono Mr. Clough ed i suoi collaboratori (fra gli altri pure Eric Cooley) non permette certo infinite variazioni al tema fondante, ma poco importa, i brani sono davvero belli ed eseguiti con grande enfasi. Consigliatissimo ai fanatici del nume Nick, i quali troveranno in “The first loss” di che sfamare i loro appetiti!

Per informazioni: 816 N. 60th St Seattle, WA 98103-5607
Web: http://www.johnnyforlorn.com
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.