Der Feuerkreiner: La 'Nvidia

0
Condividi:

Ver Sacrum A due anni dall’uscita dell’album di debutto arriva questa nuova release dei marchigiani Der Feuerkreiner, vale a dire un 12″ (in edizione limitata di 369 copie numerate!) pubblicato dall’etichetta belga Neuropa Records. Il duo formato da Valentina Castellani e Federico Flamini aveva già dimostrato di saper creare musica di buon livello, infatti il loro esordio mi aveva molto impressionato e mi aveva convinto del fatto che questo gruppo fosse una delle realtà più interessanti del panorama neofolk/industrial italiano. La ‘Nvidiaconferma appieno quell’impressione e lo fa attraverso quattro track molto diverse tra loro, cosa che tra l’altro non rappresenta certo una novità visto che anche nel precedente lavoro i DF ci avevano proposto materiale piuttosto vario. L’iniziale “Tanz” è un brano molto affascinante che abbina atmosfere neoclassiche ad un sound più cupo e dall’incedere solenne: in pratica si tratta di un connubio ben riuscito tra parti sinfoniche e sonorità industrial, alle quali si aggiunge la splendida voce della Castellani (in questo caso impegnata con lo stile lirico). Il pezzo successivo, dal titolo “Mondendinge (part I)”, è caratterizzato da suoni delicati ed eterei (siamo quasi al limite dell’ambient…) e da vocals che sembrano quasi sussurrate. Il lato B si apre con la titletrack, che è la rivisitazione di una canzone tradizionale della zona di Ascoli Piceno: essa è molto piacevole all’ascolto ed è contraddistinta da un ritmo piuttosto incalzante e da una melodia particolare, ma ciò che più mi ha colpito è la sua somiglianza con certe cose dei The Moon Lay Hidden Beneath A Cloud. La conclusione spetta invece all’ottimo “Mondendinge (part II)”, che rispetto al suo quasi-omonimo è decisamente meno “soft” e che, tutto sommato, non sfigurerebbe nella colonna sonora di qualche fantasy movie! Concludo dicendo che questo ritorno dei Der Feuerkreiner ci mostra una band in gran forma e anche molto ispirata, che ha acquisito maggior consapevolezza dei propri mezzi e sta cercando di personalizzare il più possibile il sound che propone. Speriamo solo che non ci sia da aspettare altri due anni per ascoltare la prossima release!!

Condividi:

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.