Seabound: No sleep demon v2.0

0
Condividi:

Ver Sacrum Ristampa arricchita da tre bonus-traks per il primo album dei tedeschi Seabound. La band teutonica si era segnalata al pubblico qualche anno fa con questo buon disco, dalle atmosfere notturne all’insegna di un’elettronica molto raffinata e che rimandava indubbiamente allo stile dei Covenant (non a caso Eskil Simonsson aveva messo lo zampino nel brano “Travelling”). Dopo il buon successo di “Beyond the flatline” (che tra i due album è infatti il migliore), la Dependent decide di rilanciare questo disco, presentandolo con una nuova veste grafica sicuramente accattivante e tre bonus tracks (due remix per “Hooked” e “Avalost”, oltre al brano “Day of the century”, precedentemente apparso solo su compilation). Ballabili senza scivolare nel pacchiano, i Seabound preferiscono un sound piu’ avvolgente e “notturno”, indugiando anche in testi non banali e piuttosto introspettivi; un gruppo che forse non conoscerà mai un grandissimo successo di pubblico (anche perchè al momento, pur avendo composto buoni brani, manca nel loro carniere l’hit “memorabile”), ma che va comunque seguito ed apprezzato per l’indubbia eleganza delle proprie produzioni.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.