Narsilion: Nerbeleth

0
Condividi:

Ver Sacrum Dalle ceneri degli Ordo Funebris nasce questo nuovo progetto spagnolo chiamato Narsilion: si tratta di un trio che propone una musica che mi riporta indietro nel tempo poiché mi ricorda molto le sonorità più tipiche dello stile ethereal, per intenderci quelle che caratterizzavano le uscite di casa Hyperium degli anni ’90: in particolare l’uso della voce, delicata e melodiosa pur non essendo tecnicamente impostata sullo stile lirico, e degli sfondi delle morbide tastiere, che aggiungono al complesso sonoro un velo di orecchiabilità quasi pop, mi hanno riportato alla mente gli ormai disciolti Chandeen ma anche proposte più commerciali (ma non necessariamente spiacevoli) come la Enya dei primi lavori, quelli che strizzavano un po’ meno l’occhio alle classifiche. Credo sia necessario chiarire subito un concetto: i Narsilion non sono, almeno per ora, in grado di raggiungere i vertici creativi e orchestrali dei migliori gruppi della defunta etichetta tedesca (penso in particolare agli Stoa ma anche alle cose migliori degli Anchorage o dei risorti Ophelia’s Dream), rispetto ai quali si nota una indubbia ispirazione ma una maggiore semplicità delle strutture compositive e melodiche; d’altronde non sono nemmeno così “docili” da poter diventare fenomeni commerciali come la musicista irlandese. Dalla loro hanno invece una piacevole propensione verso l’uso di strumentazione acustica, per quanto possibile, visto che si tratta di un trio. In alcuni momenti (“Dreams about the Eternity”) mi hanno ricordato abbastanza da vicino il primo, bellissimo, disco dei Changelings; in altri assomigliano di più agli Arcana (“My Falling Darkness”), in altri ancora (“A Night in Fairyland”, “El Llanto de las Sirenas”) sono più leggeri e melodici, nello stile sopra descritto. Il risultato finale non è quindi affatto spiacevole ma credo che il gruppo dovrebbe cercare di scrollarsi di dosso alcuni riferimenti che talvolta escono fuori in maniera un po’ troppo spigolosa, cercando una via più personale alla propria espressione musicale, così come hanno fatto altri gruppi ormai caratterizzati da una notevole personalità.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.