AA.VV.: United vol.1

0
Condividi:

Ver Sacrum Decisamente entusiasmante questa compilation della Noitekk, una vera manna per gli amanti della cosidetta “harsch-elettro”. L’etichetta mette in campo tutte le sue punte di diamante (Grendel, Aslan Faction, Tactical Sekt, Hioctan, C-Drone Defect e Psyclon Nine) oltre ad una serie di “ospiti” di tutto rilievo (Suicide Commando, Solitary Experiments, Dioxyde ed altri ancora). La qualità media dei brani (quasi tutti inediti) è molto buona, anche se bisogna francamente ammettere che il sound di questi gruppi è molto simile (voci distorte, battiti incalzanti, ecc..) e pertanto, se non si è grandi amanti del genere, l’ascolto può dare forti sensi di “deja-vu”. Tra i brani migliori vorrei segnalare “Scraping flesh” dei Die Sektor (questo brano è presente in un remix diverso anche sulla compilation della Alfa Matrix “Endzeit Bunkertracks”): questo gruppo mi aveva già colpito con la fantastica “Lust Angel” (presente sul sampler assemblato da Johan Van Roy in persona “Decoder v.2”) ed anche oggi si dimostra come un gruppo dalle grandi potenzialità (mi si potrà obiettare che forse ricordano un pò troppo gli Hocico). Altre segnalazioni per il remix di “Cause of death:suicide” ad opera di Supreme Court (side-project dei Davantage) e per l’allucinante cover di “It’s a sin” dei Pet Shop Boys ad opera di C-Drone Defect…… l’ho riconosciuta solo per il testo !! Un disco che non mancherà di fornire spunti ai djs.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.