The 69 Eyes: Devils

0
Condividi:

Ver Sacrum Nonostante esistano da parecchi anni e siano dediti a un genere di musica molto “trendy”, i finnici The 69 Eyes non sono mai riusciti ad eguagliare il successo ottenuto dai loro connazionali Him e The Rasmus. In madrepatria Jyrki e compagni hanno un grandissimo seguito, mentre in Europa sono tuttora considerati una band “minore” della scena gothic metal. Il loro nuovo album, intitolato Devils, segna un ritorno a sonorità più sanguigne di quelle che caratterizzavano il precedente Paris kills (2002): non che si possa parlare di un cambio di rotta vero e proprio, ma certamente il sound che ci viene proposto da canzoni come “Nothing on you”, “Feel Berlin” e dalla titletrack è un po’ più “metallizzato” rispetto a certe cose del passato. In particolare parlerei di un avvicinamento all’hard-rock grintoso e potente dei primi Danzig, ma ovviamente non mancano i riferimenti a Peter Steele e ai suoi Type O Negative, da sempre una delle formazioni più “saccheggiate” dal quintetto scandinavo (non solo per quanto riguarda la musica, ma anche per tutto ciò che concerne le vocals). In generale si potrebbe dire che questo disco è un po’ un ritorno alle origini, cioè al periodo in cui i cinque non avevano ancora scoperto che giocare a fare i “vampironi romantici” poteva fruttare loro un sacco di soldi e di soddisfazioni!! In generale questa sorta di gothic “stradaiolo” non mi dispiace per niente, anzi considero Devils come la cosa migliore che i The 69 Eyes hanno fatto negli ultimi cinque/sei anni. Brani come “August moon” o “Lost boys” hanno un fascino intrigante e si lasciano ascoltare con piacere, ma anche parecchi altri episodi risultano molto meno zuccherosi e scontati di quelli contenuti nei più recenti lavori del gruppo. Insomma, stiamo parlando di una release che sarà apprezzata da chi non disdegna l’abbinamento tra i classici riff della tradizione rock/metal e le atmosfere oscure, ma che probabilmente sarà ignorata da coloro per i quali certi accostamenti sono decisamente troppo azzardati…

Condividi:

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.