Gray Fields Recordings: Hypnagogia

0
Condividi:

Ver Sacrum Così come era accaduto per il precedente “Sing 99 and 90”, anche questa nuova incisione del progetto personale di Rebecca Loftiss è difficile da recensire in quanto non solo risulta complicato trovare riferimenti di qualche genere ma contiene una notevole varietà di suoni, anche molto differenti tra loro. Di certo, come nel caso precedente, il contenuto di questo CD è estremamente interessante anche se necessariamente destinato ad un numero piuttosto ristretto di ascoltatori, sia perché non è di facile ascolto, sia perché la tiratura è limitata a 123 copie. Undici brani di durata abbastanza breve (complessivamente il CD supera di poco i quaranta minuti) non devono far pensare ad una collezione di normali canzoni, in quanto si tratta di bozzetti sonori in cui la forma-canzone appare solo raramente, peraltro con risultati decisamente particolari ma notevoli. L’uso di strumentazione acustica (viola, violino, flauto ma anche chitarra e, direi, armonica) ed elettronica caratterizza tutta la durata dell’album, insieme a brevi inserzioni lo-fi e di vecchie registrazioni rimaneggiate nei modi più strani. Si spazia, quindi, da ballate decisamente peculiari che talvolta si trasformano in sonorità più scure e prossime a certi Current 93 (“House of a grape”, “Forty white horses”, “Nancy’s song to Charly”, “Passiflora”) a brevi spunti rumorosi in costante evoluzione (“Ring bells”, “In exodus”, “You have suffered”, “Stars fall to earth”) fino ad un’elettronica più astratta (“Prelude to an alchemical wedding” e “Creeping” potrebbero provenire da certi Coil, “Bloodstream” non starebbe male in una produzione della Ventricle Records) che, in questo contesto, non appare assolutamente fuori luogo. Per chi non teme una musica che è impossibile racchiudere in semplici schemi, credo si tratti di un lavoro interessante. Da segnalare la possibilità di scaricare alcuni brani di questo interessante progetto dal sito del Collettivo Umbrellanoize.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.