Collection d'Arnell-Andréa: Au Val des Roses

0
Condividi:

Ver Sacrum Continua da parte dell’etichetta francese Prikosnovénie la benemerita opera di riedizione dei primi lavori dei Collection d’Arnell-Andréa: dopo Un Autumne à Loroy, album d’esordio del gruppo, tocca ora a Au Val des Roses, secondo lavoro risalente al 1990. Si tratta di un album bellissimo che consiglio a tutti quelli che se l’erano perso ai tempi (come noi) di recuperare assolutamente, perché presenta una serie di canzoni davvero uniche, malinconiche e struggenti nella migliore tradizione di questo gruppo francese. Brani molto noti come “Aux Cordes Eternelles”, “Un attente douleur” e “Un matin de septembre” si alternano ad altri meno conosciuti, ma ugualmente intensi ed ispirati sia a livello musicale che dal punto di vista dei testi (tutti presenti nel bel artwork del CD). Passione, romanticismo, nostalgia, sogno, dolore etc…, questi sono tra i tantissimi sentimenti che la musica dei Collection d’Arnell-Andréa mette allo scoperto, un mix magico ed inimitabile grazie alla perfetta combinazione tra sonorità cold-wave basate su basso e drum machine, echi di musica classica legati all’uso di violino e viola e superbe melodie eteree guidate dalla delicata ma potente voce di Chloé St Liphard. Che altro dire? Solo che alle otto canzoni originali sono stati aggiunti nei CD altri due brani, un remix di “Un attente douleur” e un bel inedito “Refuge, we’re watching them dying” in linea con le ultime produzioni del gruppo, più una traccia video; insomma, che volete di più?

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.