The Protagonist: Interim

0
Condividi:

Ver Sacrum Sono passati ormai diversi anni da quando ascoltai per la prima volta un brano di questo progetto svedese: si trattava di “Imitation” sulla compilation Palace of worms; successivamente furono, insieme ai travolgenti In Slaughter Natives, uno dei gruppi che mi colpirono di più all’interno del minifestival Cold Meat all’Eurorock Festival del 2000. Notevole la capacità di Magnus Sundström, questo il nome del deus ex machina del progetto, di fondere tra loro la ripetitività seriale di certa musica industriale e le forme pompose ed eleganti della musica di ispirazione classica: non stupisce scoprire, quindi, che in tempi ormai lontani questo musicista si era dedicato a creare musica ispirata a grandi progetti che hanno fatto la storia della musica industriale, come gli SPK e i grandissimi Test Dept, probabilmente tra i primi a concepire la possibilità di contaminare con strutture industriali anche la musica orchestrale. Di certo The Protagonist non è il progetto più prolifico del mondo (il primo e, ad oggi, unico lavoro di lunga durata risale al lontano 1999) ma ritengo che sia meglio attendere qualche tempo in più, se l’attesa è ben ripagata: e, in questo caso, a mio giudizio lo è. Non ci si aspetti qualcosa di completamente diverso dal precedente lavoro né di innovativo rispetto ad altre produzioni dell’etichetta scandinava; si tratta però di un lavoro di gran classe e notevole equilibrio, il cui principale difetto è la durata: poco più di venti minuti. Se oggi vi è un gran numero di gruppi e progetti che producono lavori di questo stile, sei anni fa questo numero era di gran lunga inferiore; ma non basta: sono pochissimi, anche tra i nomi più famosi in quest’ambito, quelli che riescono nell’impresa di creare un suono così compatto, elegante ed equilibrato, in cui le varie matrici sono così ben fuse tra loro. A questo punto, non resta che attendere che esca il secondo album (del quale, stando a quanto è riportato sul sito del progetto, dovremmo attenderci l’uscita durante l’inverno) e sperare che il livello qualitativo sia almeno pari a questo.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.